sabato 14 maggio 2011

Cioè, io voglio postare...


...ma Blogger me lo impedisce. E se avete sentito in giro che il server del servizio Blog di Google è rimasto down da giovedì pomeriggio fino a ieri, è tutto vero. Ho provato insistentemente a scribacchiare qualcosa ma non potevo farlo. Ed è stato un dramma, un vero ed autentico dramma. Proprio nel giorno in cui Italia Uno trasmette un episodio dei Simpson dove tutti gli abitanti di Springfield si stampano il proprio giornale personale. Che sarebbe la stessa cosa di avere un blog, ovviamente. E io non potevo scrivere, volevo ma non potevo. Almeno mercoledì mattina la questione era differente: potevo ma non volevo. Invece ieri no, c'era cattiveria nell'aere e per colpa, non nostra, siamo rimasti senza aggiornamenti per ben tre giorni. Tre giorni! Vi rendete conto? Una cosa spaventosa.

In quegli attimi di tristezza e follia ho cercato di trovare altre possibili soluzioni che potevano soddisfare il nostro vasto pubblico di tre persone, che aumentano a quattro quando posta anche il Dj. Ho pensato in rigoroso ordine:

1) Affligere volantini per le città, da Trieste a Sassari passando per Palermo, con il post che volevo scrivere ieri. Ma aveva alcuni elementi negativi quest'idea: troppi chilometri da fare con una macchina a benzina. Non sono Moratti, io.

2) Abbassarmi a pubblicare note su Feisbuc sempre con il post di ieri. Poi ho pensato che Petrarca, Platone, Pluto e Paperino mi avrebbero guardato dall'alto del paradiso degli artisti deridendomi per gli anni e i secoli a venire. Al primo commento con le "k" al posto delle "ch", poi, avrei iniziato a piangere.

3) Mettermi col megafono per le strade di una qualsivoglia città ad urlare il post di ieri(quello che volevo scrivere, ovviamente), ma ho il lieve sospetto che non avrei avuto tanto successo per la moltitudine di camioncini con manifesti elettorali e megafono giganti che girano in codesti tempi. Magari però, un voto o due da qualche vecchina, lo riuscivo a raccattare.

4) Crearmi un contatto Twitter e scrivere il post(di ieri eh) in centodue diversi tweet. Che, si sa, a 140 caratteri alla volta non è che si può scrivere così tanto. Peccato che Twitter sia andato down anch'esso.

5) Piangere.

6) Idem di cui sopra ma poi ergersi a paladino della giustizia dei poveri blogger e indire una class action contro Blogger per non averci dato la possibilità di parlare dei beep nostri sul web. Poi ho pensato che noi non ci si dà neanche un euro a Blogger, indi ho lasciato stare.

7) Fregarmene di tutto perchè, sinceramente, il post di ieri, quello che volevo scrivere e che vi ho decantato così tanto e che vi ha rovinato l'appetito dato che ve ne ho parlato duecento volte, non mi ricordo di cosa parlasse. Vuoto. Zero totale. Manco il titolo, manco una virgola. Significa che non era poi così importante, no?

Indi oggi si posta per ricordarvi che si può postare. Magari domani scriviamo anche qualcosa degna di essere letta. Baci a tutti, belli e Dj.

6 commenti:

enrico ha detto...

La piattaforma Blogger.blogspot ha comunicato l'interruzione per rivalutare il "rendering". Questo dovrebbe rivalutare i Blogger come me che ospitano nelle proprie pagine la pubblicita guadagnando troppo poco.

luttazzi4ever ha detto...

Allora voglio quindici euri per ogni ora che non son potuto accedere. D'altronde son stato chiuso per gli altri.

A chi intesto la fattura? "Gentile Dr. Blogspot"?

lo scrigno di Sibilla ha detto...

hahahah! allora non sono l'unica ad aver scritto di questo argomento!io ho scritto una letterina al signor blogspot. mi sono accorta che svalvolo se non posso scrivere al blog! ma soprattutto mi ha cancellato un post a cui tenevo tantissimo! vabbè.. ora ci hanno restituito le nostre pagine virtuali... per fortuna! A presto..Sibilla

enrico ha detto...

Non e' cosi semplice: ho avuto la conferma del contratto con Google dopo circa 6 mesi con delle condizioni molto strette e poco remunerative

Artemisia1984 ha detto...

Non so se vi siete accorti, che prima che lo stallo di blogger fosse completo....al posto dei nickname comparivano i veri nomi degli utenti ;)... Che si sia visto il mio non mi importa più di tanto...
Ma ci sono alcuni blogger che credo ne siano stati moooooolto dispiaciuti! E poi ,in fondo, questa è una grave violazione della privacy...

{L. ha detto...

pOverinO :( sob sob.. tenero lui *.* cmq ke palle ke nn si può nmn scrivere sl blOg U.U iO sOnO trp fashiOn e sentO musica hOuse Tunz Tunz e skrivO cn tnt k e cm una bimbaminka deficiente csì Ora cOminci a piangere xk il cOmmentO stile feisbùk ha raggiuntO anke il tuO blOg :DD

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...