lunedì 2 maggio 2011

La signora Minù spacca! (Comicon 2011 - Seconda Giornata)


Ieri, in occasione della terza ed ultima giornata del Napoli Comicon 2011, sono ritornato in quel di Napoli, appunto, per effettuare la mia seconda giornata alla Mostra D'oltremare e poi al Castello per una piccola toccata e fuga. E purtroppo di elementi positivi in tutta la giornata  ne ho visti sempre pochi.

La fiera di Napoli dei fumetti ovvero il "Comic Convention" dovrebbe essere una festa che viva sul settore fumetto, d'altronde lo dice anche il nome. Ciò che questo evento che vedo adesso non è più. Lo era qualche anno fa, quando ero più giovane e mi affacciavo a questo mondo delle fiere con occhi di bambino in negozi di caramelle, ma ora è diventato altro. Non dico che i cosplay e i toys siano qualcosa di sbagliato. Ovvio che no. Ma se molti ma molti cosplay comprano molti ma molti toys capisco che questo evento non ha bisogno dei fumetti, assolutamente no. Perchè la domanda richiede altro, nei dintorni di Napule, e coloro che vendono offrono ciò che la domanda vuole e si crea un evento che non è per niente una convention sui fumetti ma altro. Che si può classificare in "giornata cosplay" o "fiera del travestimento" o "piccola scampagnata alla Mostra". Classificatelo come volete voi perchè io difficilmente riesco a classificarlo bene. La Mostra d'Oltremare è stata adottata a location parziale l'anno scorso per trasportare i cosplay e tutti quelli che venivano al Castello e non avevano nessuna voglia di vedere mostre, proiezioni, farsi fare autografi e comprare fumetti. E poi le sale del Castello sono piccole indi accadeva molto spesso che molti cosplay si fermavano davanti agli stand per fare foto costringendo i poveri standisti a scacciarli via per poter vendere qualcosa. Il Castello era bello ma era piccolo. La Mostra è larga, lunga e decisamente accessibile a tutti. A chi vuole comprare, a chi vuole fare foto, a chi vuole buttarsi sull'erba e mettersi al sole, a chi vuole solo passare una giornata fuori di casa. Ma per i romantici rimane un colpo al cuore.

Il Castello è bello, suggestivo e fresco. E fa male risalire verso le due a Sant'Elmo e guardare che nelle stanze c'è pochissima gente. L'unica folla era alle stampe bonelli e per folla s'intende una trentina di persone. Per il resto sembrava un evento per poche persone selezionate. Una tristezza infinita, secondo me, per gli editori che, continuo a ribadire, un giorno o l'altro si chiederanno se ne vale la pena spedere soldi per stare tre giorni in un luogo meno frequentato di una fumetteria.

Indi per il prossimo anno proporrei di abbandonare decisamente il Castello, affittare un altro padiglione alla Mostra e fare tutto lì, senza pensieri. Non c'è ormai più il motivo per tenere il Castello in vita, visto che è morente. Staccate la spina, è il momento giusto ormai. L'anno prossimo credo che molti editori scenderanno alla Mostra. Sopra rimarranno solo le mostre e le proiezioni e ben poca gente si farà viva da quelle parti.

Comunque di fattori positivi ce ne sono stati, alla fin fine.

1)Altri acquisti. Ovvero Marvel Zombie 5, qualche Brandon(che solo l'altroieri ho notato mi mancavano), altri Julia per la mia amata. Il quarto volume del ciclo di Strajinsky su Spiderman e un paio di modellini di Paperino, a
 pochissimo prezzo.

2) Io apprezzo i Cosplay, credo siano una forma d'arte alla fin fine. E tempo addietro mi presentai in Castello vestito da Dylan, indi non posso proprio criminalizzarli per la prematura dipartita di Sant'Elmo. Ce ne sono stati alcuni che erano meravigliosi. Tipo un Joker vestito da infermiera(che vi farò vedere presto), un Gheddafi(ho sentito una frase da un mio amico che non avrei mai pensato di sentire ovvero "Ragazzi, dai fatemi una foto con Gheddafi!"), Pac-Man e i fantasmini, Neo Cortex, e la Signora Minù, ma di colei parlerò al punto successivo.

3) La mia amata si è travestita, per la prima volta. E ha voluto fare un personaggio d'elitè, per pochi eletti. Infatti il cartone animato della signora Minù è di ben venti e passa anni fa, ma molti l'hanno riconosciuta. La splendida signorina che ha condiviso l'onere di avermi come suo compagno, ha passato la giornata a fare foto su foto e ha rovinare i timpani del sottoscritto, e pure i suoi, con quella campanella che ad ogni passo rompeva l'anima. Le è piaciuto farsi fotografare a raffica ma già a metà giornata ha preferito svestirsi e ritornare in borghese. Non ha l'animo della cosplay ma ha regalato sorrisi alla gente, il che è ottimo.

4) Ho preso due stampe di Dylan: Valentina Romeo e Bruno Brindisi. Sono felice per ciò così tanto che finalmente mi farò un bell'album con tutte le stampe e i disegni delle fiere a cui ho partecipato. Un po' d'ordine ci vole ogni tanto.

5) Ho dato uno schiaffo ad un mio amico. Ma non perchè sono cattivo, sia chiaro. Era il terzo che si meritava, gliene devo altri cinque ma questi glieli darò con calma, ormai. Il momento dello "Slap-Time" è stato meraviglioso. Il mio gruppo s'era diviso in tanti gruppetti ma, inspiegabilmente, ci siamo ritrovati tutti insieme al momento del fatidico schiaffone. C'è una sorta di poesia in tutto ciò.

6) Giochi uniti merita sempre una statua. Ti offrono una sedia per sederti e un gioco per svagarti in mezzo alla bolgia infernare della Mostra. Se non ci fossero bisognerebbe inventarli.

7) Alcune cosplay mezze gnude meritano.

8) La Mostra D'oltremare è immensa, e un'ora e mezza passata con la mia amata nell'erbetta al fresco difficilmente può essere dimenticata. Quello che ci voleva dopo sole quattro ore di sonno della notte prima.

9) I giornali gratis!

10) La possibilità di poter ritornare quando volevo, che mi è stata data dai miei datori e colleghi di lavoro avendo richiesto la giornata di ieri come riposo tempo addietro. E loro, pur in un momento di crisi per l'abbandono di un altro dipendente, mi hanno concesso ancora la giornata, senza obiettare, senza farmi cambiare piani. Di ciò li ringrazio veramente.

E con quest'ultima nota di assoluta piaggerìa si conclude il post sul Comicon 2011. Ma nei prossimi giorni, se arrivano le foto, ce ne sarà un altro molto particolare che riguarda i tipi di cui mi accompagno e di cui vi accompagnate voi, amici fumettari, che andate alle fiere. Per quanto riguarda il resto, ci si vede il 3 Giugno al Cavacon.

La foto di copertina è la Signora Minù col Joker Infermiera di cui sopra.

2 commenti:

{L. ha detto...

La gnocca vestito da Jocker vestito da infermiera è spettacolare *.* e, ripeto, Carmen è proprio la signora Minù *_* troppo bella!

luttazzi4ever ha detto...

Il signor Gnocca fa paura! E' un figo della madonna e c'ha lo sguardo cattivo perfetto.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...