martedì 31 maggio 2011

Vita ed opere di Luttante Ah'Lighieri!


"Interessante." - Margherita Hack
"Commovente." - Rita Levi Montalcini
"Medusa è già all'opera per produrre un film su di essa." - Sandro Bondi
"Avrete notizie dei nostri legali." - Gruppo eredi di Dante Alighieri
"E' il libro più lungo che abbia mai letto." - Renzo Bossi
"Da Luttante possiamo imparare tanto. Tipo che tutti possono scrivere. Figuriamoci che scrive anche Cassano." - Omero, resuscitato per l'occasione
"Sento di avere qualcosa in comune con lui." - Luttero
"Ho visto montagne verdi, e le corse di una bambina." - Marcella Bella
"E' una storia struggente, a tratti affascinante, a tratti disturbante" - Umberto Eco.
"Le è piaciuta così tanto, Maestro?" - Anonimo fan dell'Eco di cui sopra.
"No. Mi hanno detto di dir così sennò ammazzano tutta la mia famiglia." -Umberto Eco.

Luttante Ah'Lighieri nasce a Firenze, sezione di Caserta, in un periodo indefinito che spazia dal 1200 al 1300. E' stato un poeta, uno scrittore, un politico, un ambasciatore, un netturbino e un pizzaiolo italiano. Considerato il fratello della lingua italiana, è autore della Commedia, divenuta celebre come Carina Commedia e universamente considerata sconosciuta. Il suo nome, secondo la testimonianza di Giuseppino Settebellezze, noto intrattenitore degli ambienti della Firenze bene, è un errore all'anagrafe dovuto ad un'impiegata non particolarmente brillante. Infatti il suo vero nome, in realtà, è Lottante perchè, appena nato, è riuscito a non soccombere ad un'epidemia di colera che si era abbatuta nelle case circostanti la sua abitazione. Ma, si sa, alcuni impiegati degli uffici pubblici son più interessati ai cruciverba che a fare il loro lavoro, non esistono più le mezze stagioni, Sean Connery è meglio adesso che quando era giovane, i giovani son tutti dei debosciati, i neri hanno il ritmo nel sangue, i politici son tutti ladri, ed è così che accadono gli errori importanti che possono distruggere intere vite umani. Luttante, con quella u al posto della o, ebbe una vita come tutti gli essere umani: con un inizio, una prosecuzione e una fine. Ma noi vogliamo concentrarci sulla parte centrale, quando scrisse eterni capolavori che ancora oggi sono rilegati e relegati nelle nostre più importanti biblioteche.

E' conosciuto come il Sommo Poeta, anch'egli alla pari del suo quasi omonimo Dante, ma in questo caso si tratta di sfottò.

Prima di presentarvi le sue opere, e un breve riassunto di esse, bisogna precisare l'etimologia del suo cognome. In realtà è Lighieri, il prefisso "ah" è stato aggiunto in seguito quando si girava negli ambienti della Firenze male e la gente, chiacchierando amabilmente sulle novità editoriali, si ciarlava di cose del tipo:
"Hai visto l'ultimo libro di quello lì?"
"Ma chi, Dante?"
"No, quell'altro, il nasone!"
"Eh. Dante!"
"No. Quello che hanno fatto andare via da Firenze!"
"Eh. Dante!"
"No. Quello che mò si è messo in mezzo pure a far politica.
"Eh. Dante!"
"No. Quello che c'ha pure la panza da bevitore."
"Ah! Lighieri!"

E così facendo quel punto esclamativo scomparve e venne sostituito da un apostrofo.

Le opere più importanti del meraviglioso Poeta sono principalmente cinque oltre alla "Carina Commedia" che un certo Alighieri ha copiato. Ma di questo parleremo successivamente. I cinque libri qui esposti sono stati scritti in un lasso di tempo che parte dalla scoperta del sesso femminile e finisce alla scoperta del due di picche femminile(ripetuta più e più volte).


"Amami, ma ricordami chi sono perchè c'ho avuto n'amnesia potente." : Narra le avventure di Giulio Incolume, un illustre avvocato, che un giorno, improvvisamente, perde la memoria dopo essere stato colpido da un'incudine ACME lanciata dal terzo piano. Meravigliosamente illeso, e soprattutto senza il cranio spappolato, perde completamente la memoria eccetto per un sol punto: l'amore per la sua nutrice Ilaria Se'sterzi, avuto in passato. Il problema del povero Giulio è che la sua nutrice è deceduta e quindi quest'amore, e il successivo matrimonio, non possono essere realizzati. Indi il derelitto Giulio immagina un mondo fatto di sole amore con la sua amata, ma ogni giorno dimentica quel mondo ed è costretto a ri-inventarlo daccapo. La storia termina, e ci potete scusare per lo spoiler, con l'incontro in paradiso con l'amata Ilaria e la consapevolezza che in realtà lui amava Enrica Se'sterzi, la sorella della già citata Ilaria, che era viva, vegeta, aveva solo 25 anni, ed era un pezzo di figliola mai visto.


"I Mediconi" : Narra le avventure di una famiglia di Firenze, molto alla mano, composta da padre e tre figli che hanno da poco perso la loro adorata madre. Il padre, Vittorio Mediconi, incontra una sua ex compagna degli anni di scuola media e da lì ricomincia un rapporto con lei che viene ad abitare nella sua dimora insieme alle due sue figlie. Ne verranno fuori amori proibili, botte in testa, canzoni orecchiabili ma che non puoi dire che ti piacciono in giro, guest stars internazionali tipo Boccaccio o George Clooney e tante ma tante risate. Dopo "I Mediconi" ci sono stati "I Mediconi 2" e "I Mediconi 3". Il quarto capitolo della serie, però, ha visto l'assenza di molti membri del libro iniziale perchè si erano rotti di essere narrati.

"Tre once sopra il cielo": Narra le avventure di Fio, un giovane interessante della Firenze altolocata, e di Viola, procace ragazzina del borgo molto disponibile con gli avventurieri arrivati nella città toscana. La storia di Fìo e Viola vivrà alti e bassi, molti di questi in camera da letto, e così tante vicissitudini che spererete muoiano tutti di una morte violenta e dolorosa. Si viene attratti dalle meravigliose elucubrazioni di Fìo("Vivere con te è la cosa migliore al mondo, ma solo perchè ancora non hanno inventato la moto") o le interessanti indisposizioni di Viola all'amore perpetuo e monogamico("Vivrò con te solo quando mi si seccheranno i pollici, amore mio"). Intanto tra scazzottate, incendi, volgari esibizioni di lusso, lussuria, e amori profani, si arriverà alla fine del libro con la consapevolezza di aver letto un vero capolavoro in confronto ad un qualsiasi libro di Cassano. O di Bruno Vespa.

"Il giorno in cui seppi di aver perso tutto." : Toccante storia autobiografica del Ah'Lighieri che spazia dalla tristezza, alla gioia, alla depressione violenta. Narra del momento in cui aveva tra le mani un biglietto della lotteria vincente e della successiva consapevolezza che era sì quello vincente ma dell'anno prima, ed non aveva mai ritirato i soldi che erano andati versati all'associazione benefica "Un soldino per ogni bambino ricco", una onlus che aveva il compito, molto generoso, di regalare soldi ai bambini con i soldi. La storia si chiude con la felicità di un amore disinteressato: quello di Luttante per la nonna che elargisce mazzette(arcaico termine per definire "ricompense in soldoni") a tutto spiano.

"Eh, già. Sono ancora qua." : Narra dell'introspezione di un cantante ormai sulle vie del tramonto che infarcisce le sue canzoni di "eh" "oh" "oheh" "ehoh" e ha ancora un botto di pubblico ai suoi concerti, sicuramente imparano le canzoni in poco meno di un ora. La storia di questo cantante, ormai diventato una macchietta di se stesso mentre cerca di muoversi e ballare e fare il figo, è costellata di successi, delusioni e tanta gnocca. Luttante riesce a far trasparire le vere idee di questo misterioso intrattenitore di folle. Le vicissitudini di Basco Verdi, questo è il nome del canterino, vi terranno compagnia per tutte le diciotto pagine del libro. Molto piccolo come lunghezza, eh sì, ma scritto con un carattere grande, sia chiaro. Perchè Luttante già alla terza pagina si era rotto del personaggio e dei suoi "eh" "oh" e "oheheheh" che aveva intenzione di farlo sparare da una sua groupies, ma così non fu. Chiuse la storia con un colpo di scena da maestro(che dato che siamo gentili non vi diciamo) e mise fine alla carriera di Basco con tanta felicità per le orecchie dei poveri fiorentini.

Luttante è stato anche un politico di chiara fama, un netturbino di enorme fama, e un pizzaiolo con grossa fame. In tutti e tre i casi si è sempre distinto nel suo campo. In quello politico ha saputo gestire destra e sinistra(esistevano già a quel tempo, ed esisteranno sempre), in quello netturbinico ha saputo gestire umido e secco, e in quello pizzaiolico ha messo insieme mozzarella e pomodoro come nessuno aveva ancora fatto in Toscana, provocando entusiasmi eccessivi anche alla corte dei Medici, che è sempre difficile trovarne uno di turno quando stai male.

Queste sono state le opere principali del Luttante, e alcuni brevi cenni sulla sua biografia, nella prossima puntata(eh sì, purtroppo c'è), narreremo le sue più importanti storie d'amore e una spiegazione sulla struttura della Carina Commedia. Non mancate e mi raccomando: non avvisate i discendenti di Dante di tutto ciò.

lunedì 30 maggio 2011

Acqua stagnante


L'aggiornamento prolungato, sto notando, non mi è possibile. Un po' perchè lavoro di notte, e mi sento leggermente stanco la mattina successiva, un po' perchè gli orari, quelli di tempo libero, cerco di passarli più con la mia amata. Indi ogni tanto son costretto, non avendo un co-admin, a mettere qualche canzoncina come se fosse una sorta di sigla per la settimana che verrà. E dove vi prometto che posterò quasi tutti i giorni. Anzi, vi fò anche una specie di sommario settimanale così se non lo attuo potete accusarmi di essere un bugiardo, un mentitore e un orrendo paccaro. O mi chiamate, più semplicemente, "Dj Jurgen".

Martedì: Storia di Luttante Ah'Lighieri.
Mercoledì: Post mensile di ricerche.
Giovedì: "Perchè Dj non posta mai. Analisi e teorie della sua scomparsa sistematica da quasi tre anni e mezzo."
Venedì: Molto probabilmente niente, perchè sarò al Cavacon.
Sabato: Resoconto Cavacon.
Domenica: Lista di consigli utili per resistere alle domeniche senza calcio. E senza relativo Fantacalcio.

Ora mi son preso un impegno e intendo onorarlo. Almeno ci spero. Intanto vi lascio ad una canzone, sempre del Danielone Silvestri e sempre del suo ultimo cd, che a lungo andare mi ha fatto capire quanto amore c'era tra lui e la sua ex-moglie, e quanta tristezza può causare la fine di un rapporto. E' una meravigliosa ode all'essere legati a qualcuno che si preoccupa per noi, tanto da sgridarci.



Che paura che hai,
che paura che ho di te.
Tutto quello che fai
e che continui a difendere.
Sei vicino e distante,
non ti fidi di niente,
neanche di me.

Non funzionerà mai
se non funziona così com'è
e non migliorerai
se ti ostini ad attendere
come acqua stagnante
non c'è nessuna corrente
dentro di te
(e non ti puoi nascondere)

E complimenti mi hai convinto che l'amore non basta
e così non mi resta
che lasciarti stare
senza nessuno che ti giudica nessuno, intendo, che ti sgrida e si preoccupa.
Sarà senz'altro
tutto molto più leggero,
ma sei sicuro che sia meglio
per davvero?

Volevo esserti di peso,
perché dipendo da te.
E' che l'amore non basta
e tutto quello che resta di te
senza nessuno che mi giudica nessuno, intendo, che mi sgrida e si preoccupa.
sarà senz'altro
tutto molto più leggero
però non credo che sia meglio davvero.
Volevo esserti di peso.
Volevo esserti di peso.

venerdì 27 maggio 2011

[Esclusivo] - Scoperto il suggeritore della Moratti!


In molti si saranno chiesti del perchè, a Milano, nelle ultime elezioni, abbiamo assistito ad un tracollo della povera signora Moratti(che in realtà non fa neanche cognome così, ma lasciamo stare). La presunta vittoria, con il 48 per cento dei consensi, al primo turno per lo sfidante Pisapia, ha fatto tremare i palazzi del potere di Roma, Milano e Arcore, e anche un locale di lap dance, sempre sito in Arcore, giusto sotto il palazzo del potere di cui sopra. Perchè questa iniziale vittoria del signor Pisapia sulla sempre leggiadra Letizia Moratti? Ebbene, dato che oggi è l'ultimo giorno di campagna elettorale prima del ballottaggio di domenica e lunedì, abbiamo il tempo sufficiente per informarvi di uno scoop che sono noi del Bloggo degli Sgrittori abbiamo trovato.

Se è per questo, lo scoop, riguarda uno di noi due. Eh sì. Come voi tutti sapete uno dei componenti del team del Bloggo vive in quel di Milano, per studio dice lui, per cazzeggio prolungato dico io, per stare il più lontano possibile dal sottoscritto dice il popolo italico. Milano, questa terra d'arte e di meraviglie. La capitale economica del nostro Paese a punta di stivale. Milano. Una città che non può essere letta, senza creare indubbie risatine, dopo alla parola "Lecca". Una città che ha trovato, nel bene e nel male, una propria identità e una propria fisionomia, una città che, avete capito bene, non ho mai visto(se non con una rapida passatina a Malpensa) e che non conosco proprio. Una città che si è sobbarcata l'onere o l'onore di avere tra le file dei suoi abitanti, credo abusivi, un certo Francesco Savino che un giorno sarà, di certo, un possibile Tiziano Sclavi se, quel giorno, deciderà di andare all'anagrafe e farsi cambiare il nome in Tiziano Sclavi, appunto.

Ora. Voi sapete benissimo che il signor Savino è un fumettaro non solo lettore ma anche scrittore. Ne ha scritti un paio di fumetti, uno gliel'hanno pure editato, l'altro fanno finta che non sia mai esistito. E' bravo il Savino, glielo si dice per non farlo mettere a piangere, e questa notizia è arrivata anche alle altre sfere, d'altronde stiamo parlando della Moratti. Una donna che ha dalla sua parte la meravigliosità di essere la madre di Batman. E se parliamo di fumetti è ovvio che si va a cercare l'aiuto di una persona che nell'ambiente ci bazzica, e lo odiano pure tutti no? Ecco che il signor Savino è stato reclutato dalla Moratti di cui sopra per una campagna virale che l'ha visto trionfare in ogni dove.

Non ha trionfato? Allora trionferà! Il ballottaggio è una cosa diversa dal voto normale, la gente va a votare e si trova due sole opzioni, abituata alla normalità quando se ne trova centododici andrà in paranoia, in paura, in panico! Inizierà a sospettare che ci deve essere per forza qualcosa di sbagliato, non possono esserci due soli candidati. E' una candid-camera! E' uno scherzo! E' un aerostato! No, è mamma di Batman. Ma stiamo divagando.

Il signor Savino, amato dalla Moratti di cui sopra che già preannuncia un'assessorato alla Cultura dedicato solo a lui, è riuscito a dare ampio sostegno alle idee della Letiziona. Infatti è stato lui a adirarsi per la moschea nel quartiere di Sucate, è stato lui a ricordare alla Letizia che Pisapia ha rubato un auto e anche l'autista, è stato lui ad invitare Giggino D'alessio e Red Ronnie a elargire consensi alla meravigliosa candidata. Ed è stato lui anche ad inventare altre idee che vedremo in caso di vincita della Moratti, prese come spunto dai fumetti di cui è un accanito lettore. Ovviamente, non c'è bisogno di dirlo ma lo diciamo, madre Batman ha già detto sì. Come l'uomo del monte, ma con i capelli rossi.

1) Spararagnatele per tutti i vigili urbani.
2) Tutine aderenti per tutte le tutrici dell'ordine con quarta misura di reggiseno.
3) Grotte come quartier generali dei carabinieri.
4) Un omone verde con mani gigantesce da usare come sfollagente durante le manifestazioni di quei sinistroidi da strapazzo.
5) Un tipo in camicia gialla, vestito da sceriffo, che spara agli extracomunitari senza permesso di soggiorno. Lo chiameremo Tex Killer.
6) Tutti i milanesi avranno la possibilità di incontrare Licia per caso.
7) Le partite di calcio, a San siro, si avranno come quelle che accadono negli stadi di Holly e Benji. Indi San Siro sarà allungato e saranno rasi al suolo edifici in un raggio di cinque chilometri.
8) Un bat-segnale per chiamare la Letiziona, casomai qualcuno attenta alla vostra privacy, alle vostre grazie, ai vostri soldi, e ai vostri averi. Se siete extracomunitari, state certi che non funzionerà.
9) Soldi. Ma di Paperopoli. Quelli con l'immagine di Cornelius Coot.
10) Un deposito, tipo quello di zio Paperone, ma con dentro tutte le multe che hanno fatto grazie all'Ecopass. Dove la Letiziona potrà sguazzarci dentro.

Speriamo, sinceramente, ce la faccia. Grazie Diggi. Ti vogliamo, al più presto, come Ministro della Cultura.

MENO MALE CHE DIGGI C'E'!

giovedì 26 maggio 2011

Guida alla visione - (2)


Stiamo perdendo ascolti, accessi, visite o come li volete chiamare voi. Anche cliccaggi. Diciamo che stiamo perdendo cliccaggi. Ormai siamo scesi sotto le cento visite giornaliere, e questa è cosa brutta e triste. Ci serve un'inversione di rotta. Più aggiornamenti, più divertimento, più racconti, più topa! E non sto parlando delle pantegane che si possono trovare nelle vie di Napoli che gozzovigliano dentro ai sacchettoni di mondezza. Perchè il problema dell'immondizia a Napoli è risolto da ben due, o mi sembra tre anni, ma ogni tanto i sacchetti sembrano dimenticarselo e decidono di non andare nelle discariche. Sacchetti comunisti, immagino.

La presentazione è solita parlare di tutt'altro perchè oggi vi lascio al secondo appuntamento con la mia personale guida alla visione. Come abbiamo fatto in questo post qui, vi racconto le mie impressioni su cinque telefilm attuali, ovvero ancora in corso, cinque telefilm già terminati, e cinque telefilm futuri. Controllando le visite degli ultimi tempi, la prima puntata è stata apprezzata. Indi si bissa subito subito, così la gente non va' sui siti altrui e mi fa piangere di tristezza.

TELEFILM IN PROGRAMMA

Dr.House M.D.(sette stagioni, molto probabilmente terminerà ad otto): Alzi la mano chi non conosce House! Non credo che vedrò tante mani alzate. House è un prodotto ottimo, è un'indagine investigativa dentro il corpo umano, per far sì che il malcapitato malato non muoia, mentre nei "gialli" accade sempre il contrario: una persona deve morire perchè inizi la ricerca dell'assassino. Qui il presunto killer è un virus, un morbo, un problema cardiaco, ma non è mai lupus, questo è sicuro. L'idea della serie è ottima, il protagonista è spettacolare, un medico atipico che non si interessa dei pazienti ma adora solo capire che malattia hanno, e i comprimari aiutano il tutto. Ottime le stagioni in cui si deve rinnovare il team medico, e la scorsa(la sesta) che inizia con un House in manicomio.
Motivi per visionarlo: E' ottimo per chi ama i medical drama, e per chi adora vedere un medico molto fuori dall'ordinario(più che altro, da come ce li immaginiamo).

Misfits(due stagioni, una terza già prevista): Supererei, come al solito, ma un po' diversi dal solito. Cinque ragazzi, che sono ai servizi sociali, dopo una strana tempesta riescono ad avere dei superpoteri. Questi poteri che loro hanno li useranno contro il male o contro il bene? Non ve lo voglio svelare, ma ogni puntata riesce a mettere paura, tristezza, divertimento e buonumore. Ottimi i personaggi e il senso di cupezza che pervade le tredici puntate finora girate. Unico neo: il protagonista, Nathan, nella terza non ci sarà.
Motivi per visionarlo: L'Inghilterra sta diventando una patria importante per i telefilm. Una serie del genere in Italia non si vedrebbe mai, indi vi consiglio caldamente di recuperarla. E son convinco che quando conoscerete la "tripletta" mi darete ragione.

Luther(una stagione, seconda già prevista): E' un poliziesco dove si sa già chi è l'assassino. Lo fanno vedere subito, dopo qualche minuto. L'importante, per l'intera puntata, è capire come John Luther riuscirà a beccarlo. E John non è un poliziotto comune. Ha scatti di ira eccessiva, odia chi commette dei crimini e sarebbe capace di macchiarsi a sua volta degli stessi crimini per punirli. Luther è irascibile ma geniale, è insopportabile ma tenace, disturbato ma determinato. Una stagione di sei episodi è stata prodotta, ancora in Inghilterra, e Londra è una città meravigliosa per farci un film o un telefilm(capito Munroe?).
Motivi per visionarlo: Luther è un concentrato di difetti ma porta empatìa a livelli inimmaginabili. E' bravo nel suo lavoro, così bravo, da non rendersi conto di cosa gli accade intorno. Mette quello davanti al resto e poi finisce per essere fregato. Consiglio caldamente la visione. Perchè Idris Elba è un signor Attore. Peccato che la seconda serie sia passata a soli due episodi di due ore ciascuno, mentre la prima sono sei ma di cinquanta minuti a testa.

Cougar Town (due stagioni, terza già prevista): E' il ritorno alla sit-com di Courtney Cox, la Monica di Friends, ed è un bel ritorno. La serie è scritta dal creatore di Scrubs, di cui parleremo tra poco, e vede un'affascinante quarantenne che reduce da un divorzio, inizia a ributtarsi nella mischia di uscite, serate e incontri con uomini anche molto più giovani. La prima serie è stata divertente, anche se con qualche spunto non eccezionale, la seconda ancora la debbo visionare. Ma se è stata già rinnovata un motivo ci sarà.
Motivi per visionarlo: Courtney è sempre una bellissima donna e riesce a far ridere ancora, poi alcuni co-protagonisti sono divertententissimi.

Dexter (sei stagioni in America, cinque in Italia): Il mio serial-killer di serial-killer preferito! Un poliziotto di Miami che si interessa solo delle macchie di sangue ha in realtà una parte oscura, ma il padre gli ha insegnato a canalizzarla verso chi merita di essere ucciso. E lui, dopo un lungo addestramento, ora uccide gli assassini. Una serie che vi terrà quasi sempre con il fiato sospeso. Meravigliosa è dir poco. "Dexter" è uno dei pilastri dei telefilm americani. Ovviamente ogni serie ha i suoi "nemici principali", insomma. Nella prima è l'assassino del camion-frigo, nella seconda è il macellaio di Bay Harbor(che capirete presto chi sia), nella terza c'è lo scorticatore, nella quarta è Trinity(forse la serie migliore, finora) e nella quinta ancora non l'ho capito perchè sono solo al quarto episodio. Le serie sono di soli dodici episodi, ed è una visione più che consigliata.
Motivi per visionarlo: Michael C.Hall è ottimo nella parte del pazzo omicida ma con raziocìnio, sua sorella Debra è meravigliosamente sboccata, il sergente Batista è simpatico e cazzuto e Masuka riesce a rendere perverso ogni cosa dica. Guardatelo, ve lo ordino.

TELEFILM DEL PASSATO

Scrubs (nove stagioni): Sit-com ambientata nel mondo medico. Gli "scrubs" dovrebbero essere i pivellini che si affacciano nel mondo della chilurgia o della medicina in generale. E le avventure di John Dorian e del suo migliore amico Turk sono degne di essere viste e riviste. Si ride tantissimo, si piange pure ogni tanto, ma soprattutto si ride. Otto stagioni che ho visionato una dopo l'altra, assistendo all'evoluzione dei personaggi che pur cambiando son rimasti loro stessi. Un finale, dell'ottava, giusto e triste. Un inizio, la nona, che doveva significare un passaggio di consegne verso altri pivellini ma che si è rivelato un flop totale anche avendo avuto la presenza fissa di Turk e del Dottor Cox, l'unico che riesce a togliere la palma di protagonista a JD in molte occasioni. Indi vi consiglio la visione delle prime otto serie, la nona, se avesse avuto un finale, non sarebbe stata così male, ma lascio decidere a voi. JD nella nona compare ma per solo 4 episodi, se non sbaglio.
Motivi per visionarlo: Le lotte tra JD e l'inserviente, la voglia di JD di entrare nelle grazie del Dottor Cox non riuscendoci, e l'amore che c'è tra JD e Turk. Sì, il personaggio di John Dorian è molto importante.

Dirt (due stagioni): Questo è stato ufficialmente il ritorno di Courteney Cox al mondo dei telefilm dopo Friends, ed è stato purtroppo un brutto ritorno. Ma non perchè il telefilm sia da buttare via, sia chiaro, ma perchè è terminato senza un finale. La serie è composta, complessivamente, da venti episodi. Narra di una direttrice di una rivista scandalistica(la Cox) molto risoluta e brava nel suo mestiere, di un fotografo molto disturbato, suo amico, che è soggetto a allucinazioni violente, e di tutti i casi, orrendi o poco meno, che accadono nel mondo dei vips, nello star system. Serie molto forte, non adatta a chi si impressiona facilmente. Peccato che non abbia avuto un finale per via degli scarsi ascolti della seconda stagione, che è peggiorata dopo aver diminuito le tinte forti della prima serie.
Motivi per visionarlo: Oltre alla Cox c'è un Ian Hart, che interpreta il fotografo schizofrenico, meraviglioso!

E.R. (quindici stagioni): Il medical drama per eccellenza, ottimo il cast originale ma che, negli anni, è persino migliorato in alcune occasioni. Il dottor Green, il dottor Carter(che adoro), il dottor Pratt e il dottor Kovac sono solo alcuni dei dottori, infermieri, specializzandi che affollano il Country General Hospital, e che avranno tra le mani le vite di centinaia e centinaia di pazienti. Resistere per quindici stagioni, e resistere anche dopo la morte del loro creatore, è stato decisamente un traguardo importante. Se volete iniziarlo a vedere, e ve lo consiglio, sappiate che avrete a che fare con 331 episodi. Un bell'impegno per il futuro.
Motivi per visionarlo: Per chi piace il genere ospedaliero, E.r. è la Bibbia. E migliora pure nel corso degli anni.

Studio 60 on the Sunset Strip (una stagione): Il ritorno in tv del signor Matthew Perry è stato osannato dalla critica americana. Le storie di un gruppo di autori ed attori di uno show satirico americano, dove Perry è la mente principale, si intrecciano con la realtà quotidiana e le sue mille sfaccettature. Ridere quando fuori c'è gente che sta male, si può? Certo. Perchè ridere serve sempre. Una serie ottima, divertente e brillante. Peccato che sia durata una sola stagione pur avendo ricevuto una notevole quantità di premi e critiche positive.
Motivi per visionarlo: Matthew Perry. Una bella sfilza di co-protagonisti, e i dialoghi tra Matt e la sua ex ragazza sulla religione.

Joey (due stagioni): Matt LeBlanc riprende il personaggio di Joey Tribbiani in questa serie, sfortunata, che vede l'attore dei "Giorni della nostra Vita" trasferirsi da New York a Los Angeles e vivere insieme ad una delle sue sette sorelle e al figlio adolescente e un po' nerd, di lei. Una serie che non è così malaccio ma che fa capire come in "Friends" la cosa fondamentale, sul quale si reggeva tutta la serie, era la cooperazione tra i sei personaggi principali. Senza gli altri cinque Joey è "nudo" in scena, e fa pure un'ottima figura, ma è pur sempre spogliato dei suoi cinque co-protagonisti della serie precedente. Ne esce fuori, però, un prodotto divertente che marcia sull'idiozia, perenne, dell'attore Tribbiani e ci fa sognare in futuro una piccola reunion, magari al cinema, dei favolosi sei.
Motivi per visionarlo: Matt LeBlanc che interpreta Joey. Cosa volere di più?

TELEFILM FUTURI

Game of Thrones(una stagione in America, già rinnovata): Dal romanzo di R.R.Martin, arriva il Gioco del Trono, un fantasy-medievale che poco a da che spartire con gli altri fantasy che conosciamo. Qui l'elemento magico è lasciato da parte, qui gli intrighi di corte, le alleanze, le strategie di guerra e pace la fanno da padrone. E quegli intrighi si hanno, per la felicità dei maschietti all'ascolto, sotto le coperte. I romanzi, quattro usciti fino ad ora il quinto è in arrivo, sono belli e coinvolgenti. La serie, dalle notizie che giungono dall'America, è fedelissima ai romanzi, altro che "Dylan Dog-Il Film". E il fatto di essere stata rinnovata dopo solo una puntata trasmessa, la dice lunga sull'eccessiva qualità della produzione. Si dovrà vedere, sperando qualcuno la acquisti in Italia.
Motivi per visionarlo: Se avete letto i libri non potete non vederlo, se non li avete letti è come averli letti e potete vantarvi con la gente comune.

Alcatraz (una stagione ancora non trasmessa in America, prevista in Autunno): La nuova creatura di J.J. Abrams, creatore di Lost e Fringe, che si prevede debba bissare il successo della già citata Lost. La storia ruota attorno all'isola di Alcatraz, dove c'era la famosa prigione e dove trent'anni fa un gruppo di guardie e detenuti sono scomparsi. Ora, però, sono ritornati e una squadra di agenti dell'Fbi dovrà capire cosa effettivamente è successo e cosa hanno visto. Potrebbe essere una buona serie, sinceramente. Il signor Abrams è molto bravo con i misteri e se riesce a tenere incollati, ancora una volta, parecchi milioni di persone per altri sei lunghi anni, meriterebbe veramente una standing ovation.
Motivi per visionarlo: l'autore. Per chi ha visto Lost, e gli è piaciuto, dovrebbe essere sinonimo di garanzia.

Finito per questa settimana, vedremo per una prossima puntata settimana prossima. Buona visione.

martedì 24 maggio 2011

Mica male no?


Lo so che a voi comuni mortali non interessano le mie vicissitudini, i miei hobby, le mie minchiatelle da ragazzetto e i miei programmi per le serate. Lo so. Per questo ve le scrivo. Perchè uno "sgrittore" è un tipo cattivo. Scrive le cose che voi non volete leggere, così poi lo odiate a tal punto che quando diventerà famoso farà finta di non conoscervi. E poi voglio vedervi proprio a dire "Io c'ero quando nessuno ti conosceva, e leggevo le tue cazzatelle con tanto entusiasmo". Al che io vi farò una domanda sull'esito di ogni mio esame del sangue e lì voi cadrete perchè non sapete i risultati. E lì farò finta di non conoscervi, e ve lo meritate pure.

Comunque per il consueto appuntamento con la rubrica "Lutty non ha fantasia e ci rompe i cosidetti con gli aneddoti, molto tristi, della sua umile esistenza", oggi abbiamo un festeggiamento. Ebbene sì. E' da Luglio scorso che non si festeggia in codesti luoghi, come potrete notare qui, e anche oggi, anche quest'anno, c'è stato un qualcosa da festeggiare.

Infatti ho fatto ben terzo e ben secondo in due differenti fantacalcio. Non mi sono aggiudicato la benchè minima coppa ma ho recuperato le spese e c'ho pure avuto qualcosa in più. Non è andata così male nonostante tutto. E per festeggiare questo terzo posto nel fantacalcio ufficiale del mio gruppo (dicesi FantaPezzotto), così come accadde per il Mondiale inserisco la lista dei miei giocatori e il mio voto alla loro stagione più un gentile e simpatico commento per ognuno. Grazie mille ragazzi, e vi chiedo scusa se l'anno prossimo potrò solo confermare 5 di voi. Di alcuni sono triste, di altri son molto ma molto contento di liberarmene. Eh sì, ennesimo post cazzaro e calcistico. Chi ha interesse continui, chi non ha interesse ci faccia pubblicità tra chi potrebbe avere interesse.

Portieri
Buffon 6: Gioca a sprazzi e a sprazzi convince. Piglia voti buoni e voti meno buoni. Peccato che pure su Giggino quest'anno potevo puntare poco.
Storari 7: Mi ha aiutato in molte occasioni ad avere un bonus difesa decente. Grazie mille, ma il titolare è Giggino, e sempre così sarà.
Manninger s.v.: Non credo abbia mai giocato, poro Alex.

Difensori
Balzaretti 8: Il miglior acquisto di questa stagione da parte mia. E sicura riconferma per l'anno prossimo. Assist a volontà, voti meravigliosi e pure un paio di gol. Se non ci fosse stato lui...
Barzagli 7: Arriva, piglia una media di 6.5 e non scende mai sotto alla sufficienza. E chi se l'aspettava?
Chiellini 6 stentato: Non è stato un super Giorgione quest'anno. Spero andrà meglio nel prossimo, ma è molto improbabile che me lo confermi.
Cordoba 5: Fino ad un certo punto essenziale, poi diventa inutile.
Masiello A. 5.5: Grazie Andrea, hai fatto quello che potevi in questa stagione disastrata.
Von Bergen 5: Niente di eccezionale.
Zapata 6.5: Inizia in modo orrendo e poi segna che ti risegna piglia pure i 7 a raffica, ottimo!
Zauri 4: Inutile acquisto. Ma proprio inutile.

Centrocampisti
Almiron 5.5: Inizia in modo superlativo, poi si è completamente perso. E quando lui non giocava la squadra ne risentiva. Speriamo rimanga in serie A.
Ilicic 7: Con tutto il calo nella parte finale del campionato, rimane uno dei migliori acquisti annuali. Sicuro di non riconferma perchè pagato troppo. Però 8 gol sono 8 gol. Ed è un centrocampista.
Lazzari 5.5: Niente di che come punteggi generali. Mi ha salvato quando sono rimasto senza centrocampisti giocanti.
Marchisio 6.5: In una stagione juventina orrenda, lui almeno ha cercato di salvarsi. Che meraviglia il suo gol in rovesciata.
Pastore 7: Anche lui è calato, durante la stagione, di molto. All'inizio mi aveva illuso. Ma è stato il mio miglior goleador, il che è tutto da dire. Unico a 11 reti nella mia squadra. E l'anno prossimo ci sarà ancora nel mio squadrone, per il terzo e l'ultimo anno, purtroppo.
Rafinha 6: Centrocampista - difensore. Piglia sempre 6 o quasi. Ottimo quando si devono tappare i buchi.
Sissoko 4: C'era?
Stankovic 7: Se perdesse la sua mania di segnare gol stupendi solo nelle coppe, avrebbe avuto un voto addirittura più alto. Ma ottima stagione.

Attacco
Bogdani 6.5: Pagato un solo milione, fa ben 8 gol. Ma quando non segna è 5 fisso. Con ammonizione. Caro Bog, l'anno prossimo non ci rivedremo. Ma grazie mille.
Eder 5: Doveva essere una mia specie di scommessa. Ma è stata persa. Fa sei gol in un anno e io lo inserisco in campo soltanto in due di questi. Che tristezza.
Hernandez 5: Riconfermato dall'anno scorso(pagato 1) e riconfermato per la stagione futura già da ora. Ma metà anno senza giocare ha pesato molto in una squadra che era puntata su di lui fin da inizio anno. E poi quanti gol fa? Solo tre. Speriamo bene per il futuro.
Iaquinta 4: Inizia bene. Poi come suo solito si fa male ogni cinque minuti. E' l'ultimo anno col sottoscritto, sicuro!
Macheda 2: Il nuovo gioiello italiano è una patacca. Pagato 80 al mercato riparatore di Gennaio diventa un pacco bello e buono. Non ne imbrocca mezza e non riesce mai a prendere un 6. Grandolfo forever.
Pinilla 7: Se non si fosse infortunato sarebbe stato il mio attaccante migliore. Da riconfermare, sicuramente. Se va alla Juve ancora di più.

Tra quelli buttati via nel corso dell'anno, ringrazio solo Grava (6 pienissimo). Nell'altro fantacalcio, in cui ho fatto secondo con una squadra che aveva in società anche la mia amata e suo fratello(che ha fatto la formazione per più di due terzi di campionato, infatti solo per questo motivo siamo arrivati al podio), ringrazio i signori Handanovic, Nagatomo, Balzaretti(di nuovo!), Hernanes, Marchisio (di nuovo), il meraviglioso Sanchez, Ibra(pure se nel finale di stagione è scomparso) e Pinilla(di nuovo anche lui). Due fantacalci e due piazzamenti nei primi tre. Se ne poteva vincere uno, però, e anche una coppa italia, però, ma così non è stato. Sarà per l'anno prossimo.

Tanti auguri a me!

(Il ragazzo nella foto è il miglior difensore di fascia che la Juve ha avuto negli ultimi cinque anni, ma che ovviamente abbiamo buttato via. Perchè noi sì che si è intelligenti.)

lunedì 23 maggio 2011

Suit Up!


Il fenomeno di "How i met your mother" sta finalmente prendendo piede qui in Italia, dopo aver contagiato l'America. E quindi il sottoscritto è ben felice che ciò sia successo. Soprattutto perchè sta decantando in ogni dove la meraviglia di questa serie, unica e sola erede del colosso "Friends", che tanto ha distrutto le menti di noi poveri trentenni-venticinquenni, ma di ciò ne ho già parlato poco tempo fa in codesto post.

Indi dato che ora non ho il tempo materiale, purtroppo, di dedicarvi un altro post della stessa risma con alcuni suggerimenti, spero utili, sulle serie in generale vi parlo in poche semplici parole di un avvenimento che ormai è diventato di uso comune nella mia compagnia. Grazie, ovviamente, a questa splendida persona che è Barney Stinson.

Infatti, come accade già nei primi episodi della serie, il caro Barney cerca di convincere Ted a vestirsi elegante o perlomeno a mettersi la giacca. Il completo, per Barney, è sinonimo di felicità, di gioia, di entusiasmo. Per questo ai funerali ci va in jeans e maglietta. E noi, che non siamo da me, abbiamo adottato la sua tipica frase "Suit Up" per indire delle serate in giacca(preferibilmente in completo, la cravatta però è un optional) dove far notare a tutte le donnine del luogo che noi siamo tanto ma tanto fighi.

Cosa non vera, dopotutto(come potete notare nella foto che qui vi propongo), ma ogni tanto chiunque può sentirsi figo anche non essendolo. E oggi, stasera, si indice la terza "Suit Up" nel rinomato pub "SchwarzWald" che si trova dalle mie parti. Una serata vestiti in completo ma in un pub? Ebbene sì. Perchè tutti sono bravi a vestirsi eleganti per i luoghi eleganti, noi invece ci vestiamo eleganti in luoghi da gggiovani vestiti ggggiovani. Indi questo ci fa capire che ormai non siamo più tanto giovani.
(Ero veramente bello con capelloni e barbone eh? Il Bianconi terrone me se potrebbe chiamar!)

Insomma tutta sta manfrina per dire che stasera, che finalmente ho una serata libera così come i miei colleghi di lavoro, posso uscire con i miei amici in giacca e cravatta e mangiarmi una meritata jufka. E se chiedete cosa sia, ve lo dirò(la suspence è tutto quando hai un pubblico vasto e colmo quanto una fila al supermercato di giovedì pomeriggio).

Suit up, gente! Suit up!

sabato 21 maggio 2011

L.D.C.C.P.F.S.N.T.I.B.M.A.S.I.B.D.S. (Titolo accattivante!)


Ah, la pagina bianca di Blogspot mi indica che ancora non sono riuscito a pensare a niente da scrivere oggi. Perchè oggi è una di quelle giornate in cui, seriamente, non mi sembra di avere nulla da dire. E in questi casi il terrore dell'aggiornamento forzato mi inizia a prendere dallo stomaco fino alla gola. D'altronde ieri non si è postato niente, e due giorni senza novità son una cosa leggermente triste. Perchè poi va' a finire che mi sento in colpa con quei tre che passano a leggerci, e mi dà fastidio non dargli la possibilità di perdere un po' di tempo in nostra compagnia. In questi casi ipotetici in cui, veramente, non mi viene nulla ci sono alcune fasi che passo prima di iniziare a scrivere, forse di malavoglia.

1) Vado sul Bloggo(e qui è normale).
2) Spero ardentemente che un certo Dj sia uscito dal letargo e abbia deciso di scrivere un post, anche la lista della spesa che sicuramente sarebbe la cosa migliore che abbia mai scritto.
3) Maledirlo perchè non riesce mai a rendersi utile una volta tanto in vita sua.
4) Comprare una bambola vudù.
5) Ricordarsi che ho una discreta collezione di bambole vudù dalle sembianze del Dj.
6) Riempirlo di spilloni.
7) Cliccare su "nuovo post".
8) Iniziare a pensare a qualcosa da scrivere che sia perlomeno decente.

Vari passaggi che poi mi portano a qui, all'ora, al quando, al chissà e al casomai(riempire il post di idiozie lo rende più lungo e il mio senso di colpa svanisce). Ma non posso, sinceramente, fare un post dove spiego perchè non ho voglia di fare post, o un post dove spiego perchè non ho niente da scrivere in questo post. Non posso nemmeno fare un post dove scrivo un centinaio di volte "post". Debbo fare qualcosa di utile, o perlomeno simil-utile. Indi, solo per voi miei tre amici lettori, ecco una lista speciale!

LISTA DELLE COSE CHE POTETE FARE SE NON TROVATE IL BENCHE' MINIMO AGGIORNAMENTO SU "IL BLOGGO DEGLI SGRITTORI"
altresì conosciuta come
LDCCPFSNTIBMASIBDS(acronimo semplice e facile da ricordare!)

1) Trovatevi uno svago. Tipo giocare a palla col cane, giocare ai videogames, guardarvi un film, una serie televisiva(dato che ho iniziato a recensirvele, guardatele e dite che ne pensate), ma non un programma di Enrico Papi, che poi mi offendo.
2) Uscite. Che ci state a fare tutto il giorno davanti al pc? Leggete noi? Bravi, ma ora basta sparare bugie e andatevi a fare un giro all'aria fresca.
3) Se siete di Milano cercato uno alto più di un metro e novanta, abbastanza stempiato, con pizzetto e sguardo da fesso. E dategli un violento coppino. Lui vi ringrazierà. Ah no, io vi ringrazierò!
4) Leggete. Un libro. Sì, li scrivono ancora. E non lo fa solo Bruno Vespa.
5) Andate dalla vostra amata(o amato) e fate all'ammore. Ma solo perchè ve l'ho detto io, mi raccomando. Così sarò l'artefice del vostro figlioletto non aspettato. E potrete maledirmi per i secoli a venire.
5bis) Che poi i bambini sono così carucci. Non tutti. Alcuni. Io ero caruccio, voi non so.
5tris) Dj non è mai stato caruccio.
5quater) E nemmeno bambino.
6) Giocate al lotto, al Superenalotto, alla Snai, ai cavalli, a poker. Questo messaggio è a cura del Ministero delle Finanze. Ministero delle Finanze: "Vincere è un gioco, agguantare i vostri soldi è il gioco più bello del mondo". (Qui ci vorrebbe una topa che sorride e ammicca ma, purtroppo, da queste parti non ne abbiamo)
7) Fatevi un blog vostro. Dai, voglio proprio vedere se lo fate. Così poi mi metto a piangere, cattivi!
8) Potete andare a trovare vostra suocera! No. Questa è impossibile.
9) Ricordatevi di santificare le feste. Indi alla prossima festa di compleanno non fate gli ingordi. Ringraziate prima il padrone di casa, poi il festeggiato, fatevi il segno della croce e tuffatevi nel buffet urlando: "Tutto mio!".
10) Spegnete il pc e addormentatevi. Così verremo a rovinare i vostri sogni, muahahahaha.

E apposto così. Il mio l'ho fatto. Ora posso andar a fare cose importanti. Tipo dar da mangiare alle mucche eterne di Farmville o costruirmi la mia città in Cityville o andare al bagno in Wcville. Ah. ancora non è stato inventato? Spero nessuno mi rubi l'idea!

giovedì 19 maggio 2011

Guida alla visione - (1)


Volevo fare un post sulle ricerche che Google Istant vi inserisce automaticamente durante la digitazione della vostra ricerca, ma ho constatato che di ricerche veramente divertenti, poi, ce ne sarebbero state ben poche. Bastava scrivere solo "alle donne", "donne", "uomini", "agli uomini" e altre amenità varie per trovare qualcosa di decente. Che poi la maggior parte non so neanche se valeva la pena scriverle indi evito completamente di farlo, sto post, e lascio a voi il compito di andarvele a vedere, ovviamente se volete. E faccio diventare questo nuovo post giovediano(giovedese? giovendrino?) un'accozzaglia di consigli utili per chi vole vedere telefilm in questo mondo cattivo e pieno di brutture. Ovvero la mia lista di telefilm attuali e antichi che mi riempiono la giornata di buonumore e che vi consiglio di visionare. E anche una piccola lista di telefilm futuri che dovrò vedere assolutamente. Iniziamo con le serie abbastanza nuove, passiamo a quelle chiuse, e poi finiamo con le future. Andare avanti a schemini è utile, molto utile. Dato che le serie sono tante, e il tempo è poco, iniziamo con 5 presenti, 5 passate e 2 future.

Ovviamente si parla di serie tv americane o inglesi. Ce ne saranno anche un paio di italiane, giusto per spirito patriottico. Le serie sono in un ordinatissimo elenco sparso. A come me le ricordo.

TELEFILM IN PROGRAMMA


How I Met Your Mother (In America è appena finita la sesta che sarà trasmessa a Giugno in Italia, canali pay): Narra le avventure di Ted e delle sue vicissitudini in una New York attuale, per trovare la sua anima gemella. Ovviamente, spoilerandovi tutto, l'anima gemella ancora non s'è fatta vedere e non so quando lo farà. La serie avrà minimo altre due stagioni, arriverà all'ottava, e sinceramente spero raggiunga Friends fino alla decima perchè è sicuramente l'unica e degna erede del miglior telefilm americano mai trasmesso.
Motivi per visionarlo: fa ridere. E dà fastidio al Moige.

Castle (in America è quasi finita la terza che è trasmessa anche in Italia, canali pay): Narra le avventure di uno scrittore di successo che, per un motivo o l'altro, assiste una avvenente detective nelle sue indagini. Ne esce fuori un poliziesco a tratti divertente e a tratti tragico ma più orientato verso la prima parte. Nathan Filion è un attore fenomenale, sicuramente da amare.
Motivi per visionarlo: fa ridere ed è bello mettersi in gioco per indovinare il colpevole. Ogni stagione che passa è sempre più avvincente.

Fringe (in America è finita la terza, che sarà trasmessa in Italia nei mesi estivi, canali pay): Narra le avventure di un dipartimento speciale dell'F.B.I. che si occupa di casi decisamente strani. Mondi paralleli, esperienze extrasensoriali, cloni e altre robe del genere. Ottimo il personaggio del dr.Bishop che tiene le redini dell'intera vicenda su di sè. Fringe rimane uno dei programmi più visto in America, ma non nell'effettiva serata in cui lo trasmettono. Infatti viene recuperato in altri modi, o visionato nelle repliche. Quest'anno si è salvato e avrà sicuramente una quarta stagione, che forse sarà l'ultima.
Motivi per visionarlo: vi piacciono gli esperimenti, credete che l'essere umano abbia molte più capacità del normale, adorate la fantascienza? Fringe fa per voi.

Chuck( in America è stato appena rinnovato per una quinta stagione finale, in Italia sarà trasmessa la quarta da Giugno, canali pay): Narra le avventure di un ragazzo qualunque, appassionato di pc, fumetti e roba nerd(mi ricorda qualcuno), che un giorno, dopo aver aperto una mail, immagazzina nel suo cervello tutti i segreti governativi d'America. Da quel momento in poi viene reclutato per varie missioni in compagnia di una topona pazzesca e di un militare rude. E' un telefilm che fa ridere, e potrà anche farvi piangere. E' un comedy-action. Ed è molto nerdoso.
Motivi per visionarlo: E' tanto nerd e ogni nerd spera di conquistare una topona pazzesca che apprezzi il proprio essere nerd. E poi si ride tanto, grazie anche ai personaggi secondari.


The Big Bang Theory (quarta stagione che termina oggi in America, ne avrà minimo per altri tre anni, in Italia la quarta è in programmazione sui canali pay ma, solo per questo telefilm, vi consiglio caldamente la visione in originale con sottotitoli. E' stato distrutto un capolavoro, con la traduzione italiana): Narra le avventure di quattro scienziati, iper-nerdissimi per rimanere in tema, e della dirimpettaia di due di loro. Ne esce un telefilm fresco, divertente, pieno di nozioni scientifiche, di ragionamenti fumettari e assolutamente da amare. E' una droga. Se si inizia a vederlo si arriva di sicuro a sognarseli anche di notte.
Motivi per visionarlo: E' tanto nerd, molto più di Chuck, e non deride il nerd tipico, anzi, si diverte con lui sui suoi dubbi e le sue manie.

TELEFILM DEL PASSATO

Friends (dieci stagioni, tutte trasmesse in Italia): Se lo iniziate a vedere è finita. Ross, Joey, Chandler, Phoebe, Monica e Rachel vi agguanteranno nelle loro vite e vi lasceranno solo dopo dieci lunghe stagioni. E poi ne sentirete la mancanza, ma tanto ma tanto tanto. C'è gente che ancora non si è ripresa dal 2004, anno in cui è terminato. Io sono uno di quelli. Ho visto e rivisto tutte le serie tre volte. E lo rivedrei ancora. E' sicuramente il miglior telefilm mai trasmesso. Senza ombra di dubbio.
Motivi per visionarlo: fa ridere, può far piangere alcune volte, ma per ben il novanta per cento dei minuti, fa ridere. E certe volte vi faranno male le mandibole da tanto ridere. E Ross&Rachel sono meravigliosi insieme!

Lost (sei stagioni, tutte trasmesse in Italia): E' stato un telefilm controverso, a tratti disturbante. Ancora oggi, dopo la sua conclusione dell'Aprile scorso, non sono sicuro di aver completamente afferrato tutte le spiegazioni, tutte le vicissitudini, tutte le domande, tutta la storia. E' stato un fenomeno mondiale, tanto che hanno creato enciclopedie virtuali su di esso. Mi ha fatto lacrimare molte volte, soprattutto negli ultimi due minuti. Sei anni di vita appresso a Jack, Kate, Charlie, Desmond e tanti altri. Sei anni meravigliosi, anche intervallati da qualche passo falso.
Motivi per visionarlo: Se siete appassionati di misteri vedetevelo. Ma dovrete vedervi ogni singolo episodio, non se ne può saltare mezzo, sennò non ci si capisce più niente dopo.

24 (otto stagioni, tutte trasmesse in Italia): Un telefilm che molti hanno definito "repubblicano", ma che in realtà aveva più un sapore innovativo. E' stata la prima serie con un presidente di colore, e ha decisamente precorso i tempi. Le storie di Jack Bauer, membro del CTU di Los Angeles, sono a tratti anche troppo improbabili per farsì che il protagonista si salvi sempre(otto stagioni sono lunghe tra sparatorie e sevizie e torture) ma non si può dire lo stesso di chi gli sta intorno. Sinceramente ancora non ho visto l'ottava. Credo me la sparerò, a breve, una puntata dopo l'altro. Ah, la meraviglia è che ogni serie tratta un singolo giorno. Nel senso che ogni stagione è composta da 24 puntate che riguardano 24 ore di un determinato giorno(o se per esempio cominciano alle 3 di un lunedì, chiuderanno alle 3 del martedì). Quindi è la prima serie in tempo reale. E nelle pause pubblicità le storie, parallele, andranno avanti come se quel tempo fosse effettivamente trascorso.
Motivi per visionarlo: Adatto a chi ama gli action movie. E Kiefer Sutherland. Un perfetto personaggio principale, pieno di vizi e virtù anche nella vita reale(da ciò che ricordo fu arrestato durante la sesta stagione. E andò in galera senza opporsi o pagare cauzioni).

FlashForward (una stagione, trasmessa in Italia): un telefilm che non ha avuto quello che si meritava. La storia c'era, l'idea di base era carina, i personaggi erano, chi più chi meno, azzeccati. Purtroppo era stato presentato come il "nuovo Lost" e si sa che ormai chi viene presentato così fa una brutta fine (vedi The Event di cui parlerò nei prossimi appuntamenti futuri). La serie termina con un cliffhanger che vi farà odiare la serie stessa. Purtroppo.
Motivi per visionarlo: appassionati di misteri questo è ciò che fa per voi. Con un pizzico di analisi poliziesca che non fa mai male.

Heroes (quattro stagioni, trasmesse in Italia): Supereroi, strani poteri, belle ragazze, storie intriganti e poi il lento declino. Sinceramente a me Heroes è sempre piaciuto. Ma il pubblico si sa è molto volubile. I personaggi principali, Hiro, Peter, Nathan, Parkman, sono ottimi. Il cattivo pure, c'è stato solo un clamoroso sbaglio nell'ultima stagione che ha precluso la possibilità di dare un degno finale alla serie. Ebbene la serie finisce senza una reale fine. Gli attori e gli autori vorrebbero fare un film tv che dia qualche risposta. Si spera che questo possa accadere ma di possibilità ce ne sono ben poche.
Motivi per visionarlo: supereroi! C'è bisogno di dire altro?

TELEFILM FUTURI


Mr. Sunshine (una stagione, già sicura di non rinnovo. Ancora non trasmesso in Italia): E' il telefilm del ritorno di Matthew Perry(il Chandler di Friends) nel mondo delle sit-com. Narra delle vicende di un direttore di un campo da Hockey. Ancora non ho visto alcuna puntata. Conto di vederlo a breve, se mai arriverà in Italia. Sennò me lo vedrò con i sottotitoli.
Motivi per vederlo: C'è Matthew Perry!

Episodes (una stagione, già rinnovata. Ancora non trasmesso in Italia): E' il telefilm del ritorno di Matt le Blanc(il Joey di Friends) nel mondo delle sit-com dopo il flop di Joey(di cui vi parlerò prossimamente). Narra le vicende di una coppia di attori inglesi che porta in America il proprio telefilm, che ha spopolato in patria. Solo che i produttori americani impongono ai due, la presenza nel cast di Matt LeBlanc(che quindi farà la parte di se stesso). Pochi episodi ma già rinnovato, indi non dovrebbe essere così male.
Motivi per vederlo: C'è Matt LeBlanc, la mia squinzia ne sarà entusiasta!

E per stavolta abbiamo terminato. Ci sentiamo successivamente per un'altra ondata di serie tv più o meno conosciute.

martedì 17 maggio 2011

Test da Sgrittore


Come si passa il tempo quando abbiamo, letteralmente, del "tempo da perdere"? Sinceramente è brutto pensare che sprechiamo il nostro tempo, ma quei momenti quasi inutili devono passare, sono "da perdere", sono quasi da buttare. Sono, per esempio, il tempo che si passa in coda. Che sia alla posta, in banca, allo stadio, a teatro, finisce che si parla con il vicino di fila, o magari ci si inalbera contro gli impiegati insopportabili, o che ci si metta a leggere qualcosa per far valere in qualche modo quel tempo "da perdere", così come fò sempre io che non vado da nessuna parte se non ho almeno qualcosa da leggiucchiare appresso. Ma il tempo "da perdere" è un po' dappertutto. E' anche al lavoro, se ci fate caso. Ci sono lavori che necessitano di tanta pazienza per essere terminati, o per meglio dire: per far scadere l'orario di lavoro. Penso a chi fa il vigilante notturno che, secondo logica, deve sempre stare vigile ma è difficile far passare otto ore, di notte, senza tenersi occupato in qualche modo. E anche in quel caso la lettura, o una branca di essa, sono importanti. C'è pure chi scrive mentre perde tempo, c'è chi elabora qualche idea che ha avuto proprio in quell'istante, c'è chi pensa pensa e pensa così tanto che poi si addormenta. E c'è chi fa cruciverba, enigmi, e pure test. Test. Vero. La gente ama i test, la gente adora testarsi in abbondanza. Alla gente piace segnare la risposta A, B o C e poi andare a controllare a quale profilo essa corrisponde. Che poi è difficile che un test del genere c'azzecchi, sinceramente. Ma quei dieci minuti passano lieti e felici senza pensare alle brutture della vita. A meno che non sia un test giustappunto sulle brutture della vita. E noi, che non siamo da meno, vi proponiamo un test o più che altro, un'indagine di mercato. Una piccola indagine sui gusti dei nostri cinque lettori(infatti se arriviamo a 5 commenti utili mi metterò a piangere), che mi serviranno per capire cosa vi piace, cosa non vi piace e se odiate Dj come il sottoscritto.


Bon divertiment.

1)Come ha conosciuto "Il Bloggo degli Sgrittori"?
a) Per colpa di uno dei due admin.
b) Mi hanno costretto a leggerlo.
c) Sono uno di quelli che fa le ricerche ogni mese.
d) Da Feisbuc e altri siti.
e) Di fama.(Che sia pessima o buona non ci interessa)


2)Cosa ti piace de "Il Bloggo degli Sgrittori"?
a) I racconti.
b) Le poesie.
c) Le stupidate.
d) Le riflessioni.
e) L'odio che c'è tra i due admin.

3)Cosa vorresti leggere in futuro sempre su questo Blog?
a) Una bella storia lunga a puntate.
b) Racconti slegati ma concatenati da un'idea comune.
c) Un progetto di Dj e Lutty assieme.
d) Almeno un post di Dj a settimana.
e) Almeno un racconto comico a settimana.

4)Sei fan del Bloggo su Blogspot e Facebook?
a) Solo su Blogspot.
b) Solo su Feisbuc.
c) Su tutti e due.
d) Su nessuno dei due.
e) Non intendo farlo.


5)Quando un post ti piace cosa fai?
a) Lo commento.
b) Clicco su "mi piace".
c) Lo condivido su Facebook.
d) Lo linko dal mio blog.
e) Dopo averlo letto lo chiudo. E basta.


6)Quando un post non ti piace cosa fai?
a) Lo commento.
b) Chiudo e cerco di dimenticarlo.
c) Inizio a fare campagna pubblicitaria contro il Bloggo.
d) Ne leggo un altro, magari più decente.
e) Niente.

7)Se un giorno iniziamo a regalare 10 euri per ogni commento, saresti d'accordo?
a) Certo, ci mancherebbe.
b) Pidocchiosi!
c) Se raddoppi e ci aggiungi la figurina di Totti, ci sto.
d) Ti faccio tanta pubblicità.
e) E se te ne metto dieci mi dai cento euri?

8)Quante volte passi mediamente da codeste parti?
a) Una volta al giorno.
b) Quando si aggiorna il Blog.
c) Una volta a settimana.
d) Quando capita.
e) Più di una volta al giorno.

9)Ti sta più simpatico Dj o Lutty?
a) Dj, fa sganasciare troppo.
b) Lutty, quando si deprime fa sganasciare troppo.
c) Dj chi?
d) Ci sono due admin?
e) Nessuno dei due. A me piace solo la formattazione dei post.


10)Se uscisse un fumetto dei due autori, lo compreresti?
a) Sì, se continui a pagarmi 10 euri a commento.
b) Certo, assolutamente.
c) Non ho tutto questo tempo da perdere, dopotutto.
d) Mi hanno chiamato dalla cucina, ti faccio sapere dopo.
e) L'utente da lei chiamato non è al momento raggiungibile.

11)Secondo te, qual'è il significato recondito di questo sondaggio?
a) Lutty ancora non ha iniziato la Carina Commedia e cincischia.
b) Dj è alle Bahamas indi non posterà prima del 2015.
c) Indagine di mercato.
d) Poca inclinazione alla poesia melensa in codesta giornata da parte del Lutty.
e) Puro cazzeggio.


12)In futuro, se facciamo una convenzione con Youporn, tu continueresti a visitarci?
a) Finalmente un ottimo motivo per visitarvi!
b) Iniziate da oggi?
c) Certo che no, sono del Moige. E Barney Stinson è un pessimo esempio per i miei figli. Invece un Papa che giustifica preti pedofili è un meraviglioso modello di comportamento.
d) Siete entrati nel PDL?
e) Meno male che Gnocca c'è.


13)E in conclusione: siamo riusciti a farvi perdere un quarto d'ora, dieci minuti?
a) Certo. E me li rimborserte fino all'ultimo centesimo.
b) No, sono molto veloce a leggere e ne ho persi solo cinque. E ora non so che fare.
c) Anche di più. Mi sono addormentato alla seconda domanda che erano le 4 e mi son svegliato alle 9. Del giorno dopo.
d) Mi sono così divertito che ho letto tutte le poesie del Lutty per deprimermi un po' e pareggiare i sentimenti.
e) Certo. Ero quello che stava sotto a nascondino e ora posso andare a cercare gli altri. Vi ringrazio moltissimo.


14)Domanda bonus: ma secondo te Dj dov'è?
a) Alle Bahamas, l'hai detto tu prima no?
b) A Milano. Almeno così dice.
c) Nei miei peggiori incubi.
d) Si è nascosto a nascondino due anni fa. Ancora non son riuscito a trovarlo.
e) Mica è un tipo alto, con pizzetto, mezzo stempiato che biascica frasi incomprensibili e dice di essere un autore di fumetti? Sì? Allora sta dormendo da due mesi nella mia cantina, sto disgraziato!

Vi ringrazio anticipatamente per le vostre risposte. Attendo i commenti. I dieci euri saranno accreditati nel vostro conto. Nel 2146.

lunedì 16 maggio 2011

Acqua che scorre



Oggi ristabilisco il lunedì musicale perchè sinceramente non ce la faccio a scrivere. Il tempo è strano, è ritornato un pensiero che mi fa male e che riesco a dimenticare solo quando sto con lei o penso a tutt'altro, ovvero mentre lavoro. Ma si può notare quando sto male, quando mi estraneo dal discorso e quando purtroppo ora tutto ciò mi fa anche sentire male dal piano fisico. E quindi cerco constantamente di pensare ad altro. E i telefilm, i fumetti, lei, mi aiutano. E con loro anche la musica. Il nuovo cd del Danielone mi piace tanto, così tanto che vi metto una canzoncina tratta appunto da "S.c.o.t.c.h.". Buon ascolto.

Ci sono volte in cui lo so
che pensi che sia matto
che non apprezzo fino in fondo tutto ciò che ho
e forse è vero, ma non sono mica soddisfatto
anzi, scusa amore, io resto alzato ancora un po'
Ho cominciato a 16 anni a non dormire molto
e usare il tempo fino all'ultimo secondo che si può
Persino adesso che al risveglio pago sempre il conto,
ancora mi racconto che prima o poi riposerò.
E' qualcosa che scorre nel sangue
l'arsenale lirico dei sogni
ma la notte paga in contanti
il giorno si estingue
è acqua che scorre
è solo acqua che scorre
E' tutto quello che succede quando il mondo è spento
e forse è l'unico segreto che conserverò per me
come la luce artificiale che mi porto dentro
per congelare il tempo quando di tempo non ce n'è
Ecco perchè quando mi guardi non ci sono
io sto dormendo e giuro sogno anche se parlo con te
Nella tua stanza il silenzio è di velluto
io mi addormento, amore, e sogno anche per te
E' qualcosa che scorre nel sangue
l'arsenale liquido dei sogni
ma la notte paga in contanti
il giorno si estingue
è acqua che scorre
è solo acqua che scorre
Se collassa questo cielo che ci veste per la festa
di una strega di paese e di un cavaliere osceno
è solo acqua che scorre
è questa notte che corre
è solo acqua che scorre
è questa tempo che corre

sabato 14 maggio 2011

Cioè, io voglio postare...


...ma Blogger me lo impedisce. E se avete sentito in giro che il server del servizio Blog di Google è rimasto down da giovedì pomeriggio fino a ieri, è tutto vero. Ho provato insistentemente a scribacchiare qualcosa ma non potevo farlo. Ed è stato un dramma, un vero ed autentico dramma. Proprio nel giorno in cui Italia Uno trasmette un episodio dei Simpson dove tutti gli abitanti di Springfield si stampano il proprio giornale personale. Che sarebbe la stessa cosa di avere un blog, ovviamente. E io non potevo scrivere, volevo ma non potevo. Almeno mercoledì mattina la questione era differente: potevo ma non volevo. Invece ieri no, c'era cattiveria nell'aere e per colpa, non nostra, siamo rimasti senza aggiornamenti per ben tre giorni. Tre giorni! Vi rendete conto? Una cosa spaventosa.

In quegli attimi di tristezza e follia ho cercato di trovare altre possibili soluzioni che potevano soddisfare il nostro vasto pubblico di tre persone, che aumentano a quattro quando posta anche il Dj. Ho pensato in rigoroso ordine:

1) Affligere volantini per le città, da Trieste a Sassari passando per Palermo, con il post che volevo scrivere ieri. Ma aveva alcuni elementi negativi quest'idea: troppi chilometri da fare con una macchina a benzina. Non sono Moratti, io.

2) Abbassarmi a pubblicare note su Feisbuc sempre con il post di ieri. Poi ho pensato che Petrarca, Platone, Pluto e Paperino mi avrebbero guardato dall'alto del paradiso degli artisti deridendomi per gli anni e i secoli a venire. Al primo commento con le "k" al posto delle "ch", poi, avrei iniziato a piangere.

3) Mettermi col megafono per le strade di una qualsivoglia città ad urlare il post di ieri(quello che volevo scrivere, ovviamente), ma ho il lieve sospetto che non avrei avuto tanto successo per la moltitudine di camioncini con manifesti elettorali e megafono giganti che girano in codesti tempi. Magari però, un voto o due da qualche vecchina, lo riuscivo a raccattare.

4) Crearmi un contatto Twitter e scrivere il post(di ieri eh) in centodue diversi tweet. Che, si sa, a 140 caratteri alla volta non è che si può scrivere così tanto. Peccato che Twitter sia andato down anch'esso.

5) Piangere.

6) Idem di cui sopra ma poi ergersi a paladino della giustizia dei poveri blogger e indire una class action contro Blogger per non averci dato la possibilità di parlare dei beep nostri sul web. Poi ho pensato che noi non ci si dà neanche un euro a Blogger, indi ho lasciato stare.

7) Fregarmene di tutto perchè, sinceramente, il post di ieri, quello che volevo scrivere e che vi ho decantato così tanto e che vi ha rovinato l'appetito dato che ve ne ho parlato duecento volte, non mi ricordo di cosa parlasse. Vuoto. Zero totale. Manco il titolo, manco una virgola. Significa che non era poi così importante, no?

Indi oggi si posta per ricordarvi che si può postare. Magari domani scriviamo anche qualcosa degna di essere letta. Baci a tutti, belli e Dj.

martedì 10 maggio 2011

Il luogo dell'anima


Negli ultimi tempi ho poche occasioni per fare ciò che più mi aggrada con la mia gentile pulzella. Non pensate male(o bene), sto parlando di coricarci su un letto e vedere telefilm a raffica per tre o più ore. Per fortuna ora posso gradire la sua presenza quando lavoro, soprattutto il sabato e la domenica, e di ciò ne son contento. Però mi mancano quei momenti di relax totale dove, tra un bacetto e un abbraccio, pensiamo solo a svagarci piuttosto che alle brutture della vita. Un giorno futuro, spero non troppo futuro, potremo fare ciò ogni sera, abbracciati e felici. E immaginando quel tempo lontano le dedico, ancora, una poesia. Perchè lei ne meriterebbe minimo una al giorno, o due, o tre, o infinite. Perchè lei è tutto ciò che considero casa, perchè lei è tutto ciò che penso sia l'amore, perchè lei è tutto ciò che io non sarò mai.

Una coperta e due cuscini,
abbracciati e così vicini
rimaner felici per ore
tra un bacio e parole d'amore.


Una coperta e un letto
largo per entrambi e perfetto.
La mia mano nella tua mano
il mondo è un concetto lontano.


Una coperta e lo schermo acceso,
un bacio che cancella ogni peso
di questa vita che ci fa solo male.

Una coperta e te che mi guardi
è ciò che penso mentre siamo distanti,
a quel momento solo nostro,
a quel momento in cui non posso
che ammirar la tua bellezza
e sperar che in futuro
quello sia il mio luogo sicuro.

lunedì 9 maggio 2011

Zero su tre!


Il lunedì è il giorno in cui si ricomincia a lavorare, per la gente normale, dopo i bagordi del sabato e della domenica. Io non faccio più parte del giro normale della settimana e oggi è festa per me, indi ho l'occasione di scrivere qualcosa su questo blog di cui faccio parte e in cui il signor Francesco è ritornato in grande forma. Ora attenderò il suo ri-ritorno a Giugno, se si ricorda la password.


Comunque volevo attendere le risposte di Tyrrel al post delle ricerche ma dato che anche il signor Tyrrel l'è scomparso, debbo dare le soluzione al grande enigma delle ricerche fasulle. E il fatto che nessuno, e dico nessuno, abbia indovinato alcuna ricerca mi fa pensare che sono molto ingegnoso e tutto ciò mi preoccupa. Mi preoccupa soprattutto perchè se non si distinguono le mie idee dalle ricerche normali, tutto ciò vuol dire che sono entrato così in sintonia con i cari visitatori internettiani che ormai appartengo a loro e penso come loro. E tutto ciò è molto ma molto preoccupante. Comunque le chiavi di ricerca che tanto ho pensato per fregare il mio pubblico che mi vuole bene sono:

peppe la gnocca : Così faccio diventare veramente famosa la gente!


diggi e lutty si amano: Ma dico...come avete fatto a pensare fosse vera? Non mi dite che lo pensate veramente!


tette a ripetizione: Sono anche io un porco come tutti i visitatori porchi del forum!

E dopo avervi dato questa notizia che stavate sicuramente aspettando come i voti al lunedì del fantacalcio, vi saluto e vi rimando a domani. Un post è sempre un post anche se è minimo. Domani tanta bella roba per voi. Prima faccio pubblicità, poi penserò a cosa scrivere.

Che lenza che sono!

sabato 7 maggio 2011

Il furto del millennio


La storia ci ha sempre insegnato che tutto ciò che troviamo ora nei libri di letteratura, o nei più moderni film, è già stato scritto in passato. Infatti qualcuno ha sempre detto che dopo l'Odissea di Omero(e la Carmenide di Luttero) tutto è stato già scritto, tutto è una moderna riscrittura del passato. Ma si può dire ciò anche di un altro capolavoro dei tempi andati? Vogliamo mettere da parte anche quel manoscritto che abbiamo sempre odiato a scuola, che non vedevamo l'ora di non fare quando c'era italiano, in cui non capivamo una mazza, quel manoscritto che conoscevamo solo perchè quel nasone del suo autore era impazzito per una tipa che ha visto solo due volte in vita sua? Quel manoscritto che se non era per "e del cul fece trombetta" difficilmente sarebbe stato ricordato a lungo, diciamocelo chiari e tondi. Che poi era così pieno di roba. Aveva i gironi ma s'è mai vista una partita. Avevano i canti ma non s'è mai visto un musical. Insomma era un baggianata bella e buona. Che poi ai giorni nostri va' a finire che un comico, che faceva ridere, si mette a recitare questo libretto nei teatri, e la gente ci va! Ma vi rendete conto? Dov'è finito il vero italiano che se non vede un paio di belle bocce non si muove di casa(o dallo schermo del pc nella maggior parte dei casi)? Cioè: gente che va a teatro. Per sentire un'opera in terzine incatenate di versi endecasillabi. Che poi per scrivere sta cosa, quello che l'ha scritta, c'ha messo pure del tempo. E gli storici mica sanno con esattezza quando l'ha scritta. E, cosa più importante, cosa si è fumato quando l'ha scritta!


Ebbene noi lo scopriremo. Perchè siamo venuti a conoscenza di un documento eccezionale che vi faremo leggere a breve. Abbiamo trovato un manoscritto che rivela che il sommo Dante, quello di tutta la manfrina di cui sopra, HA COPIATO! E mò li voglio vedere i post con scritto "DANTE COPIA" così come il povero Luttazzi. Il sommo Dante, belli miei, HA COPIATO. Essì, e l'ha fatto pure spudoratamente. Anche il nome ha cercato di copiare da un grandissimo autore del passato. E noi, che abbiamo effettuato questo ritrovamento, vi copincolleremo tutta l'opera originale. Tutta l'opera che ha ispirato la "Divina(?) Commedia". Tutta l'opera che è stata attribuita a quell'Alighieri da strapazzo, che ci guarda tronfìo sulle nostre monete da due euri(anzi, visto che ne sono a corto me ne prestate in abbondanza così le spendo per non vederlo?), felice del furto che ha perpretato ai danni del vero poeta anni e anni fa.

Prossimamente, sui vostri schermi del pc: "La Carina Commedia" - di Luttante Ah'Lighieri!

mercoledì 4 maggio 2011

Adoro i pianoforte ben riusciti!



Il piano A è un filino più complesso, comprende una buona dose di fortuna e la complicità di un fotografo. Ma non un fotografo a caso, uno di quelli che lavorano per l'immenso Sandro Mayer. Uno di quelli che scattano foto per "DiPiù", insomma.
Il piano B è un pò meno complesso, meno costoso ma forse più lungo. Richiede una discreta bravura nell'uso di Photoshop e la complicità di un edicolante. Ma non un edicolante a caso, uno di quelli che lavorano nell'edicola dove mia nonna si reca abitualmente a comprare la sua rivista preferita. Quella diretta dall'incommensurabile Sandro Mayer. "Dipiù", insomma.

Il piano A prevede che io mi rechi in Via Montenapoleone qui a Milano, convinca il sopracitato fotografo a seguirmi tutto il giorno fino all'inevitabile incontro con un vip. Perchè, e sono del tutto sincero nell'ammettere che non ho capito bene il motivo perchè i vip passano sempre per Via Montenapoleone, pare che i vip passino sempre per Via Montenapoleone. O, per dirla meglio, tutte le foto dei vip sulla rivista preferita di mia nonna, sono scattate in Via Montenapoleone. Il piano, dicevo: una volta assicuratomi il consenso del fotografo, aspettare di incontrare un vip. Bloccarlo con una scusa qualsiasi: "Ma lo sai che eri il mio preferito nel reality la fattoria dei famosi???" e aspettare che il mio fotografo amico ci scatti una foto proprio mentre ci stiamo stringendo la mano. Una foto in cui si veda chiaramente che io, nipote di mia nonna che si sta accingendo a comprare la sua rivista preferita, sto stringendo la mano al vincitore della fattoria dei famosi. Poi si tratterà solo di aspettare che la rivista venga stampata, e che mia nonna la compri.

Il piano B mi vede davanti al monitor di un computer a smanettare con Photoshop. E' molto più semplice, meno dispendioso e più sicuro. L'unico problema è che mia nonna, quando si tratta di queste cose, è più all'avanguardia di quanto possa immaginare. E sono quasi sicuro che non ci metterà più di due secondi a scoprire che la foto in cui io stringo la mano al vincitore della fattoria dei famosi è un tarocco: 1) perchè con il photoshop non sono poi così bravo, e 2) perchè lei potrebbe giurare sul fatto che un reality chiamato la fattoria dei famosi non è mai esistito.
Il piano, dicevo
1) Grazie ai prodigi dell'autoscatto, immortalarmi mentre, su di uno sfondo bianco, sto come un ebete a stringere la mano al vento;
2) Cercare una foto in cui un vip viene immortalato mentre stringe la mano a una persona qualsiasi. Preferibilmente sorridente, che non mi piace dare l'idea di uno che si fa fotografare con dei vip incazzosi.
3) Lavorare di Photoshop, sostituire me stesso immortalato nel passo 1 alla persona qualsiasi che sta stringendo la mano del vip nel passo 2.
4) Ripetere l'operazione con tutti i vip possibili e immaginabili, facendo attenzione a usare sempre come sfondo delle foto Via Montenapoleone.
Fatto questo, arriva il difficile. Attraverso un'attenta opera di documentazione, ricreare in tutto e per tutto un numero di DiPiù, con rubriche, inserti, articoli farlocchi ed editoriali di Sandro Mayer. Inserire una rubrica sulle ricette preferite dai vip (che, casualmente, le staranno cucinando mentre mi stringono la mano), inserire una pagina in cui ripropongo un estratto del libro su Padre Pio scritto dall'eccellentissimo Sandro Mayer. In più un articolo su un qualche ballerino/palestrato/fisicato che poserà mezzo nudo a bordo della piscina che ha in casa. Piscina da cui farà capolino la mia testa, ovviamente. Qualche gnocca qua e là, un pò di pubblicità di orologi, medicine, prodotti per la casa e fumetti scritti da me. E tante, tante foto dei vip che mi stringono la mano.
Una volta stampato questo finto (ma neanche troppo) numero di "DiPiù", corrompere l'edicolante di mia nonna e convincerlo a vendere la mia rivista piuttosto che quella vera. Poi aspettare.

Entrambi i piani, ognuno con la propria difficoltà, sperano in un esito ben preciso. Un misto di sbigottimento, sorpresa, stima e affetto incommensurato da parte di mia nonna verso il suo nipotino che vive a Milano e che, passeggiando per Via Montenapoleone, ha trovato il senso della sua esistenza. Farsi fotografare con i vip e finire sulle pagine di DiPiù potrebbe essere quello che rende un nipote degno di essere chiamato tale. Sarei la gioia di mia nonna, l'idolo delle vecchiette del suo quartiere, il ragazzo della provincia che finalmente ce l'ha fatta. Le chiederebbero: "Ma come fa suo nipote a conoscere tutti questi personaggi famosi?". E lei: "Sa, signora, mio nipote lavora nel fumetto, e si sa che gli autori dei fumetti godono di un certo prestigio lassù a Milano. Che mica lì è come da queste parti, che il fumetto lo compriamo ai nostri nipotini di cinque anni e poi basta! Lì i fumetti sono robe per persone serie! Pensi che anche la redazione di Chi l'ha visto vuole dedicare una puntata a tutti i fumetti che ha pubblicato mio nipote!"
E via così.

Epilogo. Dopo essersi vantata, bullata, fatta bella davanti agli occhi dell'intera città, mia nonna affitterebbe una limousine per venirmi a prendere in aeroporto. Non le importerebbe più del mio look da morto di fame, dalla mia aria mesta, dei miei capelli lunghi e del mio fisico sciupato. Lei stringerebbe forte a sè la rivista in cui sono ritratto io, mi inviterebbe a entrare in limo dopo che l'autista mi ha aperto lo sportello e, con occhi lucidi dalla commozione, mi chiederebbe: "Come posso fare per farti capire quanto ti voglio bene, nipote mio? Dimmi, c'è qualcosa che ti piacerebbe avere mentre stai a Milano?"
E io: "Bè, nonna, ecco...a me piacerebbe avere un pianoforte elettrico...sai, per suonare qualcosa quando mi vengono a trovare a casa Simona Ventura e gli altri vip...".

E sarà in quel momento che saprò di avercela fatta.
Mi sentirò un verme, per aver ingannato Sandrò Mayer, il suo fotografo, l'edicolante di mia nonna, e mia nonna stessa. Tra l'altro le voglio un gran bene, a mia nonna, anche se mi rendo conto che l'ideazione dei miei due piani diabolici sembra escludere del tutto questa possibilità.
E' solo che sabato ho visto una pianista suonare un pianoforte elettrico in centro, sotto la galleria accanto al Duomo. Qualcosa ha iniziato a muoversi dentro di me, e passare per Via Montenapoleone poco dopo non mi ha aiutato di certo.

martedì 3 maggio 2011

Scimmia e leopardo (Ricerche Aprile)


Che tanto lo so che venite da queste parti solo una volta al mese per controllare le ricerche della gente che gira per il web. Che poi di gente ne gira tanta, ma proprio tanta, e stranamente qui non si usano semafori, ve ne siete mai accorti? Cioè prendete Roma, lì c'è un botto di gente che gira in mezzo alla strada, ma per superare gli incroci ci piazzano i semafori, che rallentano il traffico ma lo fanno nello stesso tempo più scorrevole. Ora mettete la gente di Roma, moltiplicatela per dieci e piazzatela tutta su internetto. Non è tanta? Non ci vorrebbe un bel semaforone gigante che fa fermare e ripartire tutti i computerini collegati al web? Così almeno anche noi, premendo ctrl+c, potremmo suonare il clacson a quello davanti che sta ancora fermo al semaforo e non vuole muoversi. Che suonare il clacson, alla fin fine, è un modo come un altro per fare amicizia con la pollastra di turno. E si sa che di pollastre di turno ne girano parecchie su internet. Solo che in alcune occasioni si fingono pollastre e invece sono metalmeccanici di due metri di Alghero. E se li rimorchiate, tanti ma tanti complimenti a voi.

Comunque si inizia questo post sulle ricerche aprilifere con la consueta classifica delle tre ricerche più cliccate del mese. Al terzo posto troviamo un "baustelle le rane significato", fatto da ventisei persone che vogliono capire il perchè e il percome delle canzoni e non possono ascoltare una cosa senza fregarsene del messaggio nascosto. E' la natura umana, siamo curiosi. Comunque qui ho provato a dare un significato al testo, così magari la finite di cercarlo. Al secondo posto c'è una diretta conseguenza della ricerca precedente: "rane". Questi anfibi così ricercati(ben trentuno volte) e così carucci. Magari si sta aprendo un nuovo commercio per introdurli ad animaletti da compagnia. Da quando sono girini, neri e carini, a quando iniziano a saltare sulla testa dei vostri ospiti, verdi e bavosi(le rane, non i vostri ospiti. Se poi sono anche loro verdi e bavosi è un altro paio di maniche). Al primo posto, ovviamente, per il secondo mese di fila e per la gioia di grandi e piccini c'è il nostro amico "pappagallo". Solo sessantaquattro ricerche sto mese, sta un po' perdendo appeal ma rimane ancora saldamente al comando. Ormai questo blog sta diventando un luogo dove ricercare il vostro prossimo animale domestico. Indi, prima del mese prossimo, mi appropinquo a scrivere un post che si chiama "Locuste e scarafaggi stercorari", voglio vedere se cercano anche loro!

Dato che il mese scorso le tre ricerche fasulle son state molto apprezzate ne ho inserite altre tre. Per chi le trova un fumetto autografato dal sottoscritto. Che bello svalutare i vostri fumetti!


Jessica sartoretti(4) : E' un nome di fantasia, di un mio racconto. Solo perchè scrivo che ci sono sue foto spinte non significa che lei esista veramente. Malati!


diggy e lutty tre metri sopra il cielo (2): Per questo motivo io apprezzo i nostri lettori: perchè sono bastardi. Ma forte. Ma tanto!

lamù comicon 2011(2) : Ovviamente si cerca sempre il cosplay più ben fatto. E per ben fatto intendo gnudo!

peppe la gnocca (2) : Io faccio diventare famosa la gente!


5 motivi per cui vale la pena rimanere ancora bambini : Puoi giocare un botto di tempo, puoi collezionare fumetti senza che ti dicono che sei vecchio, puoi guardare i cartoni animati senza che ti dicono che sei antico, puoi farti il bagno nella vasca(perchè a differenza mia ci entri), e puoi scaccolarti in pubblico con entusiasmo senza essere guardato con disgusto(anche se c'è un limite a tutto!)

amo il mio amante piu di davide antonelli, perche davide è scemo : Ne sarà contento il signor Antonelli.

christian de sica news : C'è gente che cerca news su De Sica!! Su De Sica!!! E i fan di Boldi indove sono?

come scegliere i numeri per consultare l'oracolo della sibilla? : Come direbbe Reneè Ferretti: "A cazzo di cane!".

compievo arcaico : Io sono della vecchia scuola: compio ancora gli anni.

corse clantestine di parlopoco : Qui ti clantestino c'è sole l'italiane!

devo fare gli auguri de buon compleanno a mia nuora cosa scrivere: Direi di incominciare con "auguri" con in aggiunta il nome suo, poi il resto verrà da sè.

dove posso fare l' elenco delle 10 cose per la cuale vale viere: Ovunque tu voglia. Anche incise sulla carta da gabinetto. E sono sicuro che nelle dieci non c'è la "grammatica".

francesco savino illustratore chieti : Illustratore? Ahahahaah!

francesco savino republica : Republica? Ahahahah!


francesco savino: Savino? AHAHAHAH!

non ho capito montalbano del 4 aprile : Il grande capo Estiqatsi saprebbe come rispondere.

perchè si parla di rane nella conzone dei baustelle? : Perchè gli ippopotami non li ama nessuno!

si paga per entrare al comicon? : No, i belli entrano gratis, tu paghi il doppio.

raffaella fico e la statua di padre pio: Sembra un titolo di un film porno!

savino francesco figli : Qui si scoprono tutti gli altarini! Pora Paola...

sono troppo gentile con la mia ragazza : Domani mollale un ceffone. Lei risponderà con due.

suggerisci poesia per un bambino per far capire la rima : E dai Google, suggerisci! E che ti costa? Tanto ormai lanceranno l'opzione Google Prompter.


vestire e giocare barbie el segreto delle fatte : Oh mio Dio! Barbie si buca!

Torna il fantastico angolo dello Zero. Ovvero tutte le ricerche che Google Analytics mi segna con zero, come se non fossero mai state fatte. Ma perchè allora ci sono? Boh, risponde il saggio.

carmenide prima edizione dove trovarla: Se te la compri te la porto anche a casa!

che fine ha fatto diggi? : L'hanno visto in metrò che raccoglieva spicci dicendo di essere uno sceneggiatore. Poraccio.


ciao mamma, sono nelle ricerche di aprile del bloggo!!!: Ecco cosa significa avere poche ambizioni nella vita!

diggi e lutty si amano : E anche il pubblico gay è dalla nostra parte!

dalla parte di luttazzi4ever : Che è la migliore. Ma se vuoi giocare a calcetto con me stai sicuro che perdi.

diggi vip: possibile?! : Certo, se è vip Magalli!

lutty apre la botola di lost : E ci trova dentro...Diggi! Ecco perchè non scrive, è rinchiuso a premere bottoni ogni 108 minuti. Ora si capisce tutto!

Il consueto Angolo Hard è tutto per voi. Poche ricerche realmente postabili, perchè quelle impostabili sono veramente ma veramente zozze!

corpi femminili di schiena : Un'esteta o un amante dei deretani?

luttazzi e le ninfomani: questo per far capire che i nostri utenti ormai accostano qualsiasi cosa alle ninfomani.

grani fighe: Un appassionato di pastiere e di belle donne o semplicemente uno che si è dimenticato una "d"?

tette a ripetizione: Come i più moderni mitragliatori, anche il corpo femminile si adegua ai tempi!

gruppi di sostegno per ninfomani: Un genio, io vorrei essere il tuo migliore amico. Ti adoro. Tu hai trovato l'anello mancante nella catena evolutiva delle ninfomani che viene direttamente dopo il corso e prima dei raduni annuali. Ci manca solo la fiera del settore, il "Ninfocon", e stiamo apposto. Genio. Che poi sei pure rimasto per ben trentasei minuti da queste parti, indi ti si vuole ancora più bene. Trentasei minuti, sicuramente si è addormentato.

pillola per diventare ninfomane : Continuate a sorprendermi ogni mese di più, sono quasi commosso!

Lo so, poteva andare meglio. Ma sto mese ci siamo tenuti con le braccine corte sull'hard. Sarà per il prossimo. Indovinate gente, indovinate!

lunedì 2 maggio 2011

La signora Minù spacca! (Comicon 2011 - Seconda Giornata)


Ieri, in occasione della terza ed ultima giornata del Napoli Comicon 2011, sono ritornato in quel di Napoli, appunto, per effettuare la mia seconda giornata alla Mostra D'oltremare e poi al Castello per una piccola toccata e fuga. E purtroppo di elementi positivi in tutta la giornata  ne ho visti sempre pochi.

La fiera di Napoli dei fumetti ovvero il "Comic Convention" dovrebbe essere una festa che viva sul settore fumetto, d'altronde lo dice anche il nome. Ciò che questo evento che vedo adesso non è più. Lo era qualche anno fa, quando ero più giovane e mi affacciavo a questo mondo delle fiere con occhi di bambino in negozi di caramelle, ma ora è diventato altro. Non dico che i cosplay e i toys siano qualcosa di sbagliato. Ovvio che no. Ma se molti ma molti cosplay comprano molti ma molti toys capisco che questo evento non ha bisogno dei fumetti, assolutamente no. Perchè la domanda richiede altro, nei dintorni di Napule, e coloro che vendono offrono ciò che la domanda vuole e si crea un evento che non è per niente una convention sui fumetti ma altro. Che si può classificare in "giornata cosplay" o "fiera del travestimento" o "piccola scampagnata alla Mostra". Classificatelo come volete voi perchè io difficilmente riesco a classificarlo bene. La Mostra d'Oltremare è stata adottata a location parziale l'anno scorso per trasportare i cosplay e tutti quelli che venivano al Castello e non avevano nessuna voglia di vedere mostre, proiezioni, farsi fare autografi e comprare fumetti. E poi le sale del Castello sono piccole indi accadeva molto spesso che molti cosplay si fermavano davanti agli stand per fare foto costringendo i poveri standisti a scacciarli via per poter vendere qualcosa. Il Castello era bello ma era piccolo. La Mostra è larga, lunga e decisamente accessibile a tutti. A chi vuole comprare, a chi vuole fare foto, a chi vuole buttarsi sull'erba e mettersi al sole, a chi vuole solo passare una giornata fuori di casa. Ma per i romantici rimane un colpo al cuore.

Il Castello è bello, suggestivo e fresco. E fa male risalire verso le due a Sant'Elmo e guardare che nelle stanze c'è pochissima gente. L'unica folla era alle stampe bonelli e per folla s'intende una trentina di persone. Per il resto sembrava un evento per poche persone selezionate. Una tristezza infinita, secondo me, per gli editori che, continuo a ribadire, un giorno o l'altro si chiederanno se ne vale la pena spedere soldi per stare tre giorni in un luogo meno frequentato di una fumetteria.

Indi per il prossimo anno proporrei di abbandonare decisamente il Castello, affittare un altro padiglione alla Mostra e fare tutto lì, senza pensieri. Non c'è ormai più il motivo per tenere il Castello in vita, visto che è morente. Staccate la spina, è il momento giusto ormai. L'anno prossimo credo che molti editori scenderanno alla Mostra. Sopra rimarranno solo le mostre e le proiezioni e ben poca gente si farà viva da quelle parti.

Comunque di fattori positivi ce ne sono stati, alla fin fine.

1)Altri acquisti. Ovvero Marvel Zombie 5, qualche Brandon(che solo l'altroieri ho notato mi mancavano), altri Julia per la mia amata. Il quarto volume del ciclo di Strajinsky su Spiderman e un paio di modellini di Paperino, a
 pochissimo prezzo.

2) Io apprezzo i Cosplay, credo siano una forma d'arte alla fin fine. E tempo addietro mi presentai in Castello vestito da Dylan, indi non posso proprio criminalizzarli per la prematura dipartita di Sant'Elmo. Ce ne sono stati alcuni che erano meravigliosi. Tipo un Joker vestito da infermiera(che vi farò vedere presto), un Gheddafi(ho sentito una frase da un mio amico che non avrei mai pensato di sentire ovvero "Ragazzi, dai fatemi una foto con Gheddafi!"), Pac-Man e i fantasmini, Neo Cortex, e la Signora Minù, ma di colei parlerò al punto successivo.

3) La mia amata si è travestita, per la prima volta. E ha voluto fare un personaggio d'elitè, per pochi eletti. Infatti il cartone animato della signora Minù è di ben venti e passa anni fa, ma molti l'hanno riconosciuta. La splendida signorina che ha condiviso l'onere di avermi come suo compagno, ha passato la giornata a fare foto su foto e ha rovinare i timpani del sottoscritto, e pure i suoi, con quella campanella che ad ogni passo rompeva l'anima. Le è piaciuto farsi fotografare a raffica ma già a metà giornata ha preferito svestirsi e ritornare in borghese. Non ha l'animo della cosplay ma ha regalato sorrisi alla gente, il che è ottimo.

4) Ho preso due stampe di Dylan: Valentina Romeo e Bruno Brindisi. Sono felice per ciò così tanto che finalmente mi farò un bell'album con tutte le stampe e i disegni delle fiere a cui ho partecipato. Un po' d'ordine ci vole ogni tanto.

5) Ho dato uno schiaffo ad un mio amico. Ma non perchè sono cattivo, sia chiaro. Era il terzo che si meritava, gliene devo altri cinque ma questi glieli darò con calma, ormai. Il momento dello "Slap-Time" è stato meraviglioso. Il mio gruppo s'era diviso in tanti gruppetti ma, inspiegabilmente, ci siamo ritrovati tutti insieme al momento del fatidico schiaffone. C'è una sorta di poesia in tutto ciò.

6) Giochi uniti merita sempre una statua. Ti offrono una sedia per sederti e un gioco per svagarti in mezzo alla bolgia infernare della Mostra. Se non ci fossero bisognerebbe inventarli.

7) Alcune cosplay mezze gnude meritano.

8) La Mostra D'oltremare è immensa, e un'ora e mezza passata con la mia amata nell'erbetta al fresco difficilmente può essere dimenticata. Quello che ci voleva dopo sole quattro ore di sonno della notte prima.

9) I giornali gratis!

10) La possibilità di poter ritornare quando volevo, che mi è stata data dai miei datori e colleghi di lavoro avendo richiesto la giornata di ieri come riposo tempo addietro. E loro, pur in un momento di crisi per l'abbandono di un altro dipendente, mi hanno concesso ancora la giornata, senza obiettare, senza farmi cambiare piani. Di ciò li ringrazio veramente.

E con quest'ultima nota di assoluta piaggerìa si conclude il post sul Comicon 2011. Ma nei prossimi giorni, se arrivano le foto, ce ne sarà un altro molto particolare che riguarda i tipi di cui mi accompagno e di cui vi accompagnate voi, amici fumettari, che andate alle fiere. Per quanto riguarda il resto, ci si vede il 3 Giugno al Cavacon.

La foto di copertina è la Signora Minù col Joker Infermiera di cui sopra.