martedì 5 luglio 2011

La creatività italiana


In Italia siamo soliti italianizzare tutto. Infatti accade solo da noi che ogni film che viene immesso nel mercato italiano sia stato precedentemente doppiato. E in alcuni casi c'è uno stravolgimento anche di senso del film stesso, ma questo è un problema più degli adattatori che dei doppiatori. E capita che alcuni capolavori stranieri vengano rovinati(si possa pensare a quasi tutte le sit-com, tra cui soprattutto "The Big Bang Theory") o leggermente peggiorati. Non accade sempre, sia chiaro, ma ogni tanto c'è quella traduzione o quell'omissione che andandole a scoprire dopo ci si rimane un po' male. Ma non è di ciò che voglio parlare. Io voglio discutere dei titoli.

E' capitato a tutti noi di scoprire che alcuni dei film che abbiamo visto al cinema o in tv, siano stati privati del titolo originale e rovinati dalla traduzione italiana. Mi basti fare l'esempio di "Eternal Sunshine of the Spotless Mind" che è un verso di una frase di Shakespeare e che dovrebbe tradursi in  "La luce eterna del sole in una mente senza macchia", viene stravolto in "Se mi lasci ti cancello". Che non solo fa capire cosa si scopre verso la metà parte del film, ma è pure un modo per avvicinarlo ad un filone di film romantici da baraccone, tipo "Se scappi ti sposo"(che anch'egli è frutto di una non-traduzione, lascio a voi la scoperta dell'arcano segreto). Cose del genere sono accadute anche nell'ambito dei telefilm dove "Family Matters" viene cambiato in "Otto sotto un tetto" e stranamente la famiglia intera perde il cognome originale che si trasforma in Wisloew. E soprattutto in "How I Met Your Mother" che cambia in "E alla fine arriva mamma". Uno dei titoli più tristi del mondo che, per fortuna, ora Italia Uno ha prontamente eliminato per ritornare al nome originale.

La domanda ora che mi viene in mente è: "Chi è il genio che inventa i titoli?". Chi è il mago della sintassi stravolge le opere? E come si fa a conoscerlo, a diventare come lui, a cercare di avvicinarsi alla sua maestria? Ecco. Io non lo so. Ma di sicuro non mi do per vinto. E anche io, pur essendo inesperto, proverò a cambiare titoli a capolavori del passato e non, per il solo gusto di sollazzarmi.


Arrivano gli alieni! (Indipendence Day) - Con un titolo così sarebbe un modo per allentare la tensione che sicuramente un film drammatico provocherebbe. Sicuramente anche nelle parti più crude uno sarebbe tentato a pensare che sicuramente, tra massimo dieci minuti, ci saranno scene divertenti. Ovvio che ci saranno, con quel titolo.


Blu (Avatar) - La sintesi è importante alcune volte. Alcune varianti : "Blu lucente", "Blu notte", "Blu puffo".


Vedo la gente morta (Il sesto senso) - Per la serie "come mi piace dirti già cosa accade", un titolo accattivante e di sicuro impatto. L'altro, che conteneva un enorme spoiler e che si intitolava "Forse sono morto", è stato scartato.


Macchine contro Macchine (Trasformers) - Che fa parte del filone "Kramer contro Kramer" e "Eva contro Eva", direi.


Se mi tradisci ti sparo (Le Iene) - Un "se" ci voleva proprio no? Ottimo esempio di spoilerizzazione(chissà se eisterà come termine) e simpatico avvertimento verso l'ignoto traditore. Perchè non averci pensato prima?


La vigilia di tutti i Santi (Halloween) - Per il gusto di italianizzare anche le cose che non sono sicuramente italiane, tipo le banane, ecco la perfetta spiegazione del termine in uso oltreoceano. Non si può dire che in questo caso non si sia fatto un ottimo lavoro di traduzione.


Rombo di Ferrari (Somewhere) - Che è un titolo molto più convincente dell'originale. Quello che ho proposto io, almeno, contiene un'assoluta verità su ciò che si vede, e si sente, in buona parte del film.


Non svegliare il faraone che dorme (La mummia) - Altro tentativo divertente di rendere un film abbastanza divertente ancora più divertente. Seguiranno "Te l'avevo detto"(La mummia - Il ritorno) e "Non dire a nostro figlio di risvegliare il faraone" (La mummia tre).


Amori in cucina (Chocolàt) - Con un Jhonny Depp che piangerà appena sentirà codesto titolo.


Le avventure di Jack (The Nightmare Before Christmas) - Basta che ci sia un cartone animato e, state sicuri, si arriverà al meraviglioso prefisso "Le avventure di". E poi volete mettere nella stessa frase "Incubo" e "Natale"? In Italia? Ma voi siete proprio matti!

Fine prima puntata. Se diverte il pubblico quanto ha divertito me ne farò altre. E il pubblico può suggerire eh!

4 commenti:

Paola ha detto...

Quello che mi ha fatto ridere di più è "Vedo la gente morta..." ehehe!!!

Suggerirei un altro titolo...Da "il mai nato" a "il mai sazio..."

Solo il diggy può capire...vediamo se così riesco a farlo uscire dal limbo in cui si è rinchiuso!!!:P

{L. ha detto...

Ahahahahahahahahahahahahah non ce la posso fare.. sei un genio!
A parte il fatto che chi ha "tradotto" "eternal sunshine of the spootless mind" con "se mi lasci ti cancello" meriterebbe di essere appeso per una palla a un macigno che cade dal 27esimo piano e per l'altra palla al davanzale di quest'ultimo piano.. :D

"Non svegliare il faraone che dorme (La mummia) - Altro tentativo divertente di rendere un film abbastanza divertente ancora più divertente. Seguiranno "Te l'avevo detto"(La mummia - Il ritorno) e "Non dire a nostro figlio di risvegliare il faraone" (La mummia tre)."

Questo mi ha fatto sbellicare dalle risate

luttazzi4ever ha detto...

Le vostre sghignazzate son giubilo per le mie orecchie.

Maniglia ha detto...

oddio la Mummia 1, 2 e 3 tradotta così è SPETTACOLARE XD
potrei addirittura arrivare a vederli!

anche io comunque sono sul piede di guerra per quanto riguarda certe traduzioni.
Ai confini del mondo e Oltre i confini del mare!
Non è ammissibile mettere 2 parole uguali nei titoli di due film in sequenza.
Un pò come La maledizione della prima luna e La maledizione del forziere fantasma!
anche se il secondo round è peggio.

comunque direi...
The Lord of the Rings:
Alla ricerca del Monte Fato (sottotitolo: La Caduta di Gollum)

Lutty ti stimo!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...